Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

RECENSIONE : Le Ragazze Vogliono La Luna di Janet McNally - DeA

Buongiorno Lettori! 
Ho praticamente terminato la lettura di Le ragazze vogliono la luna di Janet McNally meno di un'ora fa, divorando letteralmente le ultime pagine che mi separavano dal suo epilogo come non mi accadeva da tempo. Potrei descriverlo come il più classico del genere young-adult, costruito sopra note che naturalmente coinvolgono il lettore in un approccio in apparenza leggero, ma che si dimostra capace di nascondere un messaggio ben più radicato e profondo di quanto potremmo mai immaginare. Ma partiamo dall'inizio...


Ci sono estati che lasciano il segno. Estati che cambiano la vita. Per sempre.
È esattamente quello che è successo a Phoebe, diciassette anni e un segreto ben custodito. Lo stesso segreto che ha distrutto il legame con la sua migliore amica e che ha mandato all’aria l’unica possibilità con il ragazzo per cui ha una cotta colossale. Ma Phoebe è abituata ai segreti. Perché tutti nella sua famiglia ne hanno uno. Tutti hanno qualcosa da nascondere: sua sorella Luna, che se n’è andata a Brooklyn per inseguire un sogno, suo padre Kieran, che se n’è andato e basta. E poi sua madre Meg. È lei la vera bugiarda di professione. Ex rockstar, Meg non ama rivangare gli anni in cui ha viaggiato per il Paese insieme alla sua band, mietendo un successo dopo l’altro... E, in un’estate magica, indimenticabile, tra musica indie, notti insonni e amori impossibili, si mette alla ricerca. Della verità e anche un po’ di se stessa.
Come vi ho già scritto in apertura di articolo, credo proprio che Le ragazze vogliono la luna rappresenti il più classico del genere young-adult in grado di evolversi su note musicali armoniche e complesse, allo stesso momento, trattando con uno stile molto scorrevole, autentico e diretto tematiche che, a mio avviso, sono tutt’altro che leggere o frivole.

« ... eravamo un triangolo sbilenco con gli angoli fra noi che cambiavano di continuo, 
ma che finivano sempre per dare lo stesso risultato. Alla fine, cercavamo sempre di capirci, 
anche se la maggior parte delle volte lo facevamo solo a metà! »

La storia ruota interamente attorno alle donne della famiglia Ferris. 
Una famiglia coinvolta in un circolo vizioso di segreti, di piccole bugie, di prolungati silenzi e inevitabili contraddizioni. Il racconto, d’altronde, si costruisce attorno a due diverse – seppur legate – voci narranti che fanno eco ad un perpetuo spostamento tra il passato ed il presente di una realtà familiare tutt’altro che ordinaria! Il passato ci viene raccontato da Meg Ferris, ex front-woman dei The Shelter, ex moglie di Kieran Ferris e madre testardamente onnipresente di due giovani donne, Luna e Phoebe
Attraverso la sua voce e i suoi ricordi, scopriamo cosa significa scontrarsi con la dura realtà dell’immediato successo, con i dubbi e le paure, con le scelte e i compromessi che sembrano diventare sempre più opprimenti ed inconciliabili con il suo nuovo ruolo di madre. Meg Ferris è una donna che nasconde tanto dietro alle sue sicurezze e ai suoi sorrisi, a quelle sculture di metallo indubbiamente pericolose e pungenti, tanto da scatenare una reazione potente e, oserei dire, naturale nella maggiore delle sue figlie, Luna, decidendo di abbandonare gli studi e seguire quella stessa carriera eccitante ed imprevedibile a cui la donna aveva rinunciato molti anni prima. 
E’ proprio questo scontro ostinato e silenzioso tra le due a spingere Phoebe ad un soggiorno nella Grande Mela, inviata dalla madre come messaggero involontario, ma con il vero scopo di fare finalmente luce su quel passato pieno di silenzi e ombre, di un padre assente, di una madre incomprensibile e di bugie che sembrano non placarsi mai.

« Hai chiamato la tua band The Moons! Non so perchè tu non lo capisca. Vorresti far finta di non assomigliarle, ti comporti come se la odiassi e, invece, praticamente stai cercando di vivere la sua vita! »

Gran parte di Le ragazze vogliono la luna si evolve proprio a New York tra le sue strade eclettiche e piene di vita, in quella città dove tutto sembra possibile, dove l’anonimato sembra essere la più naturale conseguenza ed il più grande regalo da ricevere, soprattutto per Phoebe che, finalmente, ha l’occasione di essere semplicemente se stessa, di svincolarsi da quel cognome – fin troppo pesante nella sua importanza – che ha sempre percepito come un fardello da cui era troppo difficile liberarsi. La trama del romanzo si costruisce in modo molto naturale, diretto ed armonioso come una melodia capace di scorrere sopra note nuove, ma pur sempre conosciute! Il contenuto risulta essere coerente e ben delineato, così come ben caratterizzati sono i personaggi secondari che fanno proprio nella Grande Mela la loro entrata in scena. Luna e James, Josh e Archer, in modo particolare, si inseriscono perfettamente in un diagramma letterario che la MacNally costruisce con ritmo e pause ben ricercate, abbracciando situazioni non facili da gestire con un linguaggio semplice e diretto, perfettamente adattabile al pubblico a cui è rivolto. Ogni personaggio che incrociamo durante la lettura di Le ragazze vogliono la luna porta con sé un passato da scoprire e da raccontare, domande a cui trovare risposta, sentimenti ed emozioni che non potranno rimanere isolati o taciuti ancora a lungo! 
Un romanzo femminile e musicale che scorre come un fiume in piena sotto gli occhi del suo lettore, creando quell’inestimabile empatia con personaggi che non vengono mai lasciati a se stessi, che non si trovano lì per puro caso, ma che sanno giocare perfettamente un ruolo incisivo e potente al centro di una scena che muta, si stravolge ed emoziona, pagina dopo pagina.

Le ragazze vogliono la luna è uno dei primi titoli di punta della casa editrice in questo 2017 e, senza fare troppi giri di parole, credo che abbia fatto decisamente centro! Una storia comune e mai banale, che si intreccia con un mondo - quale è quello musicale e del successo ad ogni costo, con le sue luci accecanti e suoi inevitabili punti oscuri - molto vicino al pubblico a cui naturalmente si rivolge, ma che si adatta anche ad un lettore più adulto, memore di quegli stessi sogni, magari ancora sepolti in fondo ad un cassetto decisamente popolato! Un romanzo che ci viene presentato attraverso una copertina adorabile ed evocativa, coprendo un'intera scala di colori del blu più intenso e comunicativo insieme ad un'immagine da cui sembra trasparire quel senso di percorso ed attesa che si percepisce chiaramente durante la lettura, spingendo il lettore ad un acquisto quasi istintivo di un libro che mi sento di consigliarvi se siete alla ricerca di una lettura leggera e piacevole, capace di far riflettere e sognare. 

E voi, Lettori, cosa ne pensate? Avete già letto il romanzo? Vi incuriosisce?
Lasciatemi le vostre impressioni e reazioni a caldo nei commenti..

4 commenti

  1. Non l'ho ancora letto, ma se prima pensavo quasi quasi di leggerlo, dopo la tua recensione mi hai decisamente convinta!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un classico young-adult leggero e dalla lettura molto piacevole. Se ami le atmosfere newyorkese e la musica, credo che sì... possa essere la lettura adatta!

      Elimina
  2. Ciao Cristina, sto leggendo questo libro proprio in questo momento e sono giunta all'arrivo a New York di Phoebe. Devo dire che la scrittura e lo stile sono molto belli e che la storia mi sta prendendo parecchio. La tua recensione ha confermato le mie sensazioni positive.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere Cristina ;) Aspetto la tua opinione finale, allora...

      Elimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top