Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

RECENSIONE : La Tua Seconda Vita Comincia Quando Capisci Di Averne Una Sola di Raphaëlle Giordano - Garzanti

Buongiorno Lettori! 
Quella che leggerete nelle prossime righe sarà una recensione un po' diversa dal solito; è un dialogo a cuore aperto, un sussurro fugace che spero di riuscire ad esprimere attraverso parole che scaturiscono naturali, quasi fossero un fiume in piena desideroso di gettarsi nel mare!
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola di Raphaëlle Giordano per Garzanti è un romanzo che non ha bisogno di urlare a gran voce per catturare l'attenzione ed il cuore del suo lettore; vive di sussurri che si fanno strada nella mente del suo inconsapevole destinatario, instillando dubbi e domande che inevitabilmente fanno parte dell'essere umano.
Oserei descriverlo come un romanzo atipico a cui, forse, non siamo troppo abituati, spinti anche in campo letterario da un vociare perenne, da un rumore assordante, da azioni e reazioni che rischiano di offuscare quei sentimenti, quelle emozioni che diamo fin troppo per scontate...

Prezzo: 16.90€ | Pagine: 216ca
Ci sono giornate in cui tutto va storto. È così per Camille, che sotto un incredibile diluvio si trova con l'auto in panne e senza la possibilità di chiamare nessuno. Eppure, quel giorno cambierà il suo destino per sempre. L'uomo che le offre il suo aiuto si chiama Claude e si presenta come un ambasciatore della felicità, capace di dare una svolta alla vita delle persone. Camille è scettica ma, nella speranza di ritrovare la sintonia con il marito e di andare d'accordo con il figlio ribelle, prova a seguire le sue indicazioni. Si tratta di semplici esercizi da compiere ogni giorno: per esempio ripercorrere le sensazioni di un momento felice, guardarsi allo specchio la mattina e farsi dei complimenti, contare tutte le volte che ci si lamenta durante la giornata. Intorno e dentro a Camille, a poco a poco, qualcosa inizia a cambiare...

Storia: 4 | Personaggi: 3 | Stile: 4 | Copertina: 5

« Abbiamo due vite: la seconda inizia quando ci rendiamo conto di averne solo una! » scriveva uno dei maggiori e più citati filosofi cinesi; una regola di vita che la protagonista di questo romanzo arriva pienamente a comprendere dopo un intenso viaggio personale partito sotto le peggiori intersezioni astrali. In una notte di pioggia, abbandonata in aperta campagna da una macchina decisamente permalosa, Camille alla disperata ricerca di aiuto si trova a bussare alla porta di una coppia molto sopra le righe.
Lui, in particolare, cattura immediatamente la curiosità della donna: Claude esprime acume e sicurezza, una postura sicura e determinata, accompagnano una diagnosi che lascia la donna senza parole:

« Abitudinite acuta. E' una malattia dell'anima che colpisce sempre più persone al mondo... 
I sintomi sono quasi sempre gli stessi... »

Claude, infatti, è un abitudinologo! 
Abitudin... che? Chiederete voi e, credetemi, la medesima espressione perplessa colpisce in pieno una Camille psicologicamente al limite, commossa dalla gentilezza dell'uomo e naturalmente incuriosita dalle sue parole: inattese, dirette, reali. Dopo quell'incontro strano ed inatteso, Camille tenta di tornare alla sua vita, alla sua ripetitiva routine che sembra quasi toglierle il respiro, quel poco di linfa vitale che sembra essere rimasta nel punto più profondo della sua anima. La sua vita potrebbe essere dichiarata apparentemente perfetta e, forse, è proprio quell'apparenza così superficiale, noiosa ed indisponente a starle stretta, a soffocare quel frammento di linfa vitale che, al momento, riesce solamente a percepire come una eco decisamente debole e lontana. Un'amara consapevolezza che la spinge a gettarsi letteralmente tra le braccia di Claude, abbracciando la sua visione della vita e le sue regole che, almeno a primo impatto, potranno sembrare assurde ed esagerate, ma che sanno sorprendentemente lasciare il segno! E' un viaggio emotivo, intimo e personale quello intrapreso da Camille che si muove verso la piena consapevolezza dell'amore incondizionato per se stessa possa cambiare letteralmente la vita, spingendo ogni uomo e donna a vivere intensamente ogni attimo senza lasciarsi andare a quel mostro solitario e silenzioso che risponde al nome comodo di abitudine.

« Il modo più efficace per allenare la sua autoaffermazione è imparare a essere la migliore amica di sé stessa! Deve valorizzarsi, mostrare compassione e indulgenza nei suoi confronti 
e concedersi il più spesso possibile dei segni di apprezzamento! »

Leggere La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola è stato proprio questo per me: un viaggio dentro me stessa, una storia fatta di pagine ed emozioni che si sono trasformate in domande a cui non sempre sono riuscita a dare risposta. Sono stata catturata dalla disarmante semplicità ed accuratezza di una narrazione capace di sorprendere il lettore in tutta la sua forza ed intensità come un acquazzone improvviso in un'estate torrida, come un pugno sferrato in pieno stomaco, senza alcuna possibilità di parare il colpo... Durante la sua lettura, si percepisce chiaramente che ci troviamo davanti ad un libro tale da non permettere vie di mezzo, assolutamente soggettivo e portato ad un'interpretazione che può - e deve - inevitabilmente cambiare da lettore a lettore.

La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola è un romanzo privo di eclatanti colpi di scena o imprevedibili azioni tali da lasciare il lettore con il fiato sospeso fino alla parola fine.
Quello che vi troverete a stringere tra le mani è, invece, un racconto di vita, crescita e speranza, un libro dolce ed intenso che si rende, fin dalle primissime battute, capace di parlare direttamente al cuore del lettore - e alla sua operosa coscienza - attraverso gli occhi della sua protagonista.
Caratteristiche che si mescolano perfettamente alla divertente ironia espressa dai suoi personaggi a più riprese, costruendo un'empatia immediata ed inevitabile con Camille, tifando per lei e lottando con lei in quella che si rivelerà come la più importante e costruttiva sfida della sua vita.
E, forse, anche della nostra...

Per queste e molte altre ragioni che comprenderete solo durante la lettura del romanzo, mi sento assolutamente di consigliarvi La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola: se siete alla ricerca di un momento solo per voi e di quell'attimo di silenzio e pace che nella vita quotidiana è quasi impossibile da afferrare; se si siete alla ricerca di un romanzo diverso dal solito, intenso e comunicativo credo proprio di avere la lettura fatta apposta per voi!

E voi, Lettori, cosa ne pensate?
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti...
Io, nel frattempo, vado alla ricerca del mio abitudinologo di fiducia :)
Cristina

Nessun commento

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top