Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

RECENSIONE : Gli Occhi di Borges di Giovanni Ricciardi - Fazi Editore

Buonsalve Lettori! 
Per deliziare questo Lunedì che, ammettiamolo, non è mai troppo piacevole, torno a scrivervi ancora per condividere con voi la mia recensione di Gli Occhi di Borges di Giovanni Ricciardi per la casa editrice Fazi Editore che ringrazio tantissimo per la copia cartacea del romanzo.

« Gli Occhi di Borges riesce a mescolare abilmente gli elementi più caratteristici ed intriganti 
del giallo italiano impreziosito da decise note noir in grado di ammaliare 
consapevolmente ogni lettore fin dalle prime fugaci battute! »

Prezzo: 16.00€ | Pagine: 238
Gli Occhi di Borges è il titolo di una celebre rubrica di oroscopi tenuta da un famoso astrologo su un’importante rivista italiana.
Una giovane liceale, Vanessa, che vive con la madre Anita in un elegante appartamento del quartiere Esquilino a Roma, ottiene la possibilità di fare uno stage presso la redazione della rivista. Da quel momento, però, la sua vita cambia: la ragazza si chiude in se stessa, preda di fobie e di un mutismo assoluto, fino a non voler più uscire di casa. La madre, sconcertata e confusa, si accorge poco a poco che questa melancolia non è solo il frutto di una crisi adolescenziale, ma è legata a incontri e frequentazioni, dietro le quali si cela una realtà inquietante. Il commissario Ponzetti sarà chiamato a trovare il bandolo della matassa di questa intricata vicenda, in una storia giocata sul senso della libertà umana e sui suoi condizionamenti. Ma non solo. In questa sua settima indagine, Ponzetti avrà a che fare col furto di un prezioso esemplare del primo libro di poesie di Borges, trafugato dalla Biblioteca Nazionale di Buenos Aires per conto di un ignoto e ricchissimo collezionista italiano. Un mistero nel mistero, che muoverà il nostro commissario sulle tracce di una sua vecchia conoscenza: Andrea Perfetti, il ghostwriter che gli aveva dato già filo da torcere nel quarto episodio della serie, Portami a ballare, e che lo costringerà stavolta a un’insidiosa trasferta argentina...

Storia: 4 | Personaggi: 4 | Stile: 4 | Copertina: 3

Gli Occhi di Borges è un romanzo noir decisamente italiano che affascina il lettore fin dalle prime pagine; tra le sue righe, infatti, troviamo gli elementi letterari più intriganti capaci di coinvolgere il suo destinatario senza troppi preamboli, spingendolo al limite esistente tra realtà e immaginazione, tra dubbio e verità così da trovarsi legato ad una morsa potente e raffinata da cui difficilmente è possibile trovare via di fuga. E, credetemi, vi troverete ad essere letteralmente incollati alle sue parole che il tempo si rivelerà essere solo un'ottima e fugace compagnia! 

« Gli Occhi di Borges era una dele rubriche astrologiche più in voga 
nella decadenza giornalistica di quegli anni. Per Anita era stato un gioco leggerla tutte le settimane, 
un modo per tornare al tempo della spensieratezza e degli amori stagionali! »

Personaggi principali de Gli Occhi di Borges sono Anita - una madre impulsiva e in crescente apprensione per l'ostinato mutismo della figlia adolescente, segregata in camera sua, priva di una vita sociale e posseduta da un'apatia improvvisa senza giustificazione - Ottavio Ponzetti - commissario romano, intuitivo e complesso, che si ritrova tra le mani uno dei casi più difficili della sua carriera, diviso tra due continenti e un libro di rara fattura e carico di mistero incomprensibilmente scomparso al centro di un'intricata trama fitta di bugie, segreti e celate verità. 
Un romanzo che vive in tutta la sua drammatica ecletticità grazie ad un elemento chiave ed imprescindibile quale è quello dell'esoterismo che Giovanni Ricciardi presenta e tratta in modo sublime e raffinando, cogliendone gli aspetti più misteriosi e coinvolgenti in modo da coinvolgere letteralmente la mente del lettore, capitolo dopo capitolo. Al centro di un gioco sempre più potente e pericoloso troviamo la più famosa rubrica astrologica nazionale che, a dispetto di quanto si possa superficialmente dedurre, sembra essere in grado di raccontare molto più dei fortunati incontri astrali o del magico influsso che Venere è in grado di portare nella vita di ognuno di noi. Quello che Ricciardi affronta con particolari precisi ed incalzanti è un genere di esoterismo più intimo e profondo, condotto da attori silenziosi senza scrupoli né morale a danno di soggetti facilmente impressionabili o caratterialmente fragili. 
Quella che si insinua nelle maglie di un romanzo giallo come Gli Occhi di Borges è la rappresentazione di una tematica quanto mai attuale, capace di insinuarsi nella parte più oscura delle mente umana e che non deve essere mai pienamente sottovalutata. 

Leggendo il romanzo posso sinceramente affermare di essere stata attratta in quella medesima trappola, riuscendo ad immedesimarsi in molti dei personaggi raccontati da Ricciardi fino a raggiungere una determinata consapevolezza investigativa immediatamente ribaltata come nelle migliori aspettative. 
Gli Occhi di Borges non è solo un romanzo giallo con forti tinte noir; tra le sue pagine troverete, infatti, inevitabili riferimenti letterari e cinematografici insieme a parti irresistibilmente ironiche in grado di ammaliare e convincere ogni genere di lettore! 

Quindi, Lettori, se siete alla ricerca di tutti questi elementi racchiusi abilmente dentro lo stesso titolo, direi proprio che avete trovato il libro che fa per voi! Non credete?
Lasciatemi le vostre impressioni a caldo nei commenti...
Cristina

Nessun commento

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top