Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

[ DOMINO LETTERARIO ] RECENSIONE : Harry Potter e La Maledizione dell'Erede di J.K. Rowling - Salani

Buongiorno Lettori! 
Essendo praticamente giunti alla fine di questo mese, torna puntuale l'appuntamento con la rubrica del DOMINO LETTERARIO che ho il piacere di inaugurare nella sua veste tipicamente e puramente fantasy! Ho acquistato Harry Potter e la maledizione dell'erede il giorno stesso della sua uscita nelle librerie italiane, senza mai riuscire ad avere la giusta intraprendenza di leggerlo ed essere pronta ad affrontarlo, nel bene e nel male. Vista la proverbiale quantità di reazioni negative, avevo quasi il timore di distruggere un ricordo che volevo assolutamente preserve nella mia mente; vi ricordate a che punto eravamo rimasti?

« L'ultima traccia di vapore svanì nell'aria autunnale. Il treno svoltò. La mano di Harry era ancora alzata insegno di saluto.. distrattamente abbassò la mano a sfiorare la cicatrice a forma di saetta sulla fronte. La cicatrice non gli faceva male da diciannove anni. Andava tutto  bene! » 

Ed è proprio a quel binario che ritorniamo.. 
Alla paura di Albus Severus di finire in Serpeverde e agli occhi del padre, confusi e preoccupati, ma sereni nel rivelargli come il suo nome nasconda quello di due uomini valorosi, due Presidi di Hogwarts, di cui uno era proprio un Serpeverde e probabilmente l'uomo più coraggioso che abbia mai conosciuto!

Prezzo: 19.80€ | Pagine: 357
È sempre stato difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora che è un impiegato del Ministero della Magia oberato di lavoro, marito e padre di tre figli in età scolare. Mentre Harry Potter fa i conti con un passato che si rifiuta di rimanere tale, il secondogenito Albus deve lottare con il peso dell'eredità famigliare che non ha mai voluto. Il passato e il presente si fondono minacciosamente e padre e figlio apprendono una scomoda verità: talvolta l'oscurità proviene da luoghi inaspettati. Basato su una storia originale di J.K. Rowling, John Tiffany e Jack Thorne. Un nuovo spettacolo diviso in parti uno e due. 
Il volume contiene in un'unica edizione entrambe le parti.

Storia: 3 | Personaggi: 3 | Stile: 3 | Copertina: 4

Partiamo dal presupposto che leggere Harry Potter e la maledizione dell'erede non ha nulla a che vedere con i suoi sette magici predecessori; infatti, non ci troviamo dinanzi ad un romanzo nella sua veste più magnifica ed ordinaria, ma abbiamo tra le mani nulla in più di un testo teatrale.
Come tale, appunto, la narrazione è composta da almeno un 85% di dialoghi che, di conseguenza, deve preparare il futuro lettore ad una naturale quanto inevitabile constatazione: tra le sue pagine non troveremo quelle descrizioni che ci hanno fatto innamorare dello stile inconfondibile della Rowling, se escludiamo le brevi introduzioni necessarie per ogni cambio di scena!
Compreso questo, Lettori, lasciatevi condurre da questo viaggio inusuale che vi porterà a ritrovare quei personaggi che abbiamo così tanto amato come Harry, Ron ed Hermione ovviamente, insieme a molti altri che tentano di occupare il ruolo e posto che meritano anche se con qualche piccola difficoltà.


Protagonista e causa principale di questo romanzo è il rapporto tra Harry e suo figlio Albus Severus; un rapporto difficile e complicato che spinge entrambi ad esprimere la loro massima testardaggine, spingendoli a compiere azioni stupide ed indubbiamente avventate! 
Senza dilungarmi oltre sulla trama e per non togliervi il gusto di scoprire cosa si cela realmente dietro il titolo dell'opera teatrale, posso dirvi con totale franchezza che il mio approccio con Harry Potter e la maledizione dell'erede si è letteralmente fermata a metà strada. 
La prima parte è stato un viaggio nei ricordi e nelle emozioni provate durante la lettura vorace e frenetica della saga; emozioni che si sono sommate al ritrovare sotto i miei stessi occhi quei personaggi che ho amato e da cui mi sono staccata con notevole difficoltà. 
Nella seconda parte, invece, ho subito percepito che qualcosa non andava: i dialoghi si sono rivelati, in molti casi, eccessivamente melensi arrivando quasi a dubitare dei protagonisti che credevo di conoscere meglio delle mie tasche; alcune scene, soprattutto nella parte conclusiva dell'opera, sembravano essersi trovate lì per puro caso, mancando di logica e di quel minimo di connessione richiesta. 
Ho apprezzato molto, invece, il personaggio di Scorpius Malfoy che mi è entrato subito in simpatia fin dalle prime pagine; così diverso dal padre e con un fardello troppo grande da sopportare, si è rivelato da subito un piccolo eroe, pronto a seguire Albus ciecamente in ogni loro sventurata avventura! 

« Quelli che amiamo non se ne vanno mai via del tutto, Harry. 
Ci sono cose che la morte non può toccare. Il calore.. la memoria.. l'amore! »

Partendo dal dovuto presupposto, tirando le somme, Harry Potter e la maledizione dell'erede è un libro che si lascia scorrere velocemente e senza particolari difficoltà; al suo interno ritroverete luoghi caldi e familiari, sorprese inaspettate e qualche viso impossibile da dimenticare che sarà capace di strapparvi ben più di un nostalgico sorriso. Se avete amato la saga della Zia Row e siete alla ricerca di una lettura piacevole e leggera, posso consigliarvi di tentare anche questo nuovo ed inusuale approccio di lettura, ma, badate bene, fatelo con la giusta coscienza e liberandovi di ogni metro di paragone perchè, al suo interno, forse non ritroverete la sua stessa magia, ma qualche barlume di gioiosa speranza che riscalderà il vostro cuore e saprà risvegliare i vostri incancellabili ricordi potteriani. 


Potterhead, cosa ne pensate? 
Anche voi, come la sottoscritta, non siete riusciti a rinunciare alla lettura di Harry Potter e la maledizione dell'erede? Da che parte state? Pro o contro?
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti.. 
Cristina

12 commenti

  1. Io l'ho trovato una buona lettura ed una storia originale. Ma bisogna capire che quando si legge un copione si ha tra le mani materiale freddo e inanime...solo l'attore può dargli la magia giusta.

    RispondiElimina
  2. Non riesco ancora a decidere se leggere o meno questo libro. Da una parte mi piacerebbe ritrovare le atmosfere familiari della Rowling, dall'altra ho paura di rovinare una storia che ricordo con molto piacere! Dilemmi >.<

    RispondiElimina
  3. Io presa dall'entusiasmo di leggere qualcosa di nuovo che riguardasse il mondo di Harry (nonostante lo zampino della Rowling non ci sia) l'ho divorato quest'estate in inglese...ma per me è no! Una storia che non ha una logica: davvero tornare indietro per salvare X e non altri?! Suvvia è follia! Detto questo ho apprezzato molto il personaggio di Scorpius: una ventata d'aria fresca!

    RispondiElimina
  4. A me è piaciuto tanto! Se si tiene in considerazione che è un'opera teatrale e che come tale va letta, e che è uno spin-off, direi che è tutto ciò che avrei voluto leggere. Da buona potterhead mi pare che la Rowling non ne sbagli una. Capisco, però, quando dici che certe dolcezze da determinati personaggi stonano. ;)

    RispondiElimina
  5. Non l'ho ancora letto ma penso che non rinuncerò ad un altro prodotto dell Rowling <3

    RispondiElimina
  6. Io devo essere una delle poche ma non ho ancora letto la serie di Harry Potter. Da quel che ho capito però l'opinione sul fatto che questo volume non sia all'altezza della saga è un po'di tutti i fan. Prima o poi tenterò la lettura

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. A me è piaciuto molto, soprattutto perché mi ha dato un'opportunità in più per tornare a Hogwarts. <3

    RispondiElimina
  9. Io volevo leggerlo, ma mi sono bastate le prime 50 pagine per capire che non faceva per me. Sarà che si torna a Hogwarts, ma la trovo una semplice trovata economica.

    RispondiElimina
  10. Devo assolutamente leggerlo al più presto, spero di farlo nel periodo Natalizio e non vedo l' ora di tornare a Hogwarts!

    RispondiElimina
  11. Ciao:) devo ancora leggerlo, ma mi attende sul comodino! Spero di non rimanere delusa
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ciao! Io l'ho letto convinta che potesse essere qualcosa di positivo e invece è stato una gran delusione… Mi ha convinta poco come storia in sé (e le molte incongruenze) però mi sono concessa di salvarla in parte perché mi ha fatto ritrovare un po' della magia di Harry Potter!
    Ciao :)

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top