Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

RECENSIONE : I Mercanti dell' Apocalisse di L.K. Brass

Buonasera Lettori! 
Come comunicato nel tassello dedicato al Domino Letterario di questo mese insieme alla recensione di Cercando Grace Kelly, in queste settimane di pausa mediata del Blog non smetterò di stuzzicare la vostra innata curiosità condividendo con voi le mie motivate opinioni sui romanzi letti in queste estate e quelli che certamente arriveranno nei prossimi giorni.
I Mercanti dell'Apocalisse - edito da Giunti - è il primo romanzo thriller di L.K. Brass ambientato nel mondo spietato dell'economia e dell'alta finanza dove nessuna legge etica e morale sembra valere per contrastare le condotte di spietati operatori pronti a tutto pur di raggiungere il proprio illecito obiettivo! Ringrazio la casa editrice per la copia cartacea.

Prezzo: 8.00€ | Pagine: 391
Un complotto  che sta dissanguando la BCE, un uomo dimenticato da anni che lotta per ottenere risposte. 
Spionaggio, speculazioni finanziarie e colpi di scena in un mystery ad altissima tensione.. 

Daniel, geniale matematico, ha raggiunto il successo e tutto ciò che un uomo può desiderare, ma una breve telefonata cambierà la sua vita per sempre.
Una terribile sciagura aerea e un attentato da cui si salva quasi per miracolo gli fanno capire di essere rimasto invischiato in qualcosa di oscuro e mortale.
L'unico modo per proteggere se stesso e la figlia Isabel, la sola della famiglia a essere sopravvissuto, sarà scomparire.
Anni dopo, vivendo sotto falso nome alla ricerca di chi gli ha distrutto la vita, si imbatterà in una nuova scia di morte e in un complotto che sta dissanguando la BCE e le economie europee.
Con l'aiuto insperato di una giovane e brillante operatrice finanziaria, Daniel lotta per ottenere risposte.
Fra spionaggio informatico, prodigiose fughe con la macchina e abili travestimenti, riuscirà a ricomporre tutte le tessere di quell'inquietante mosaico?

Storia: 4 | Personaggi: 3 | Stile: 4 | Copertina: 4

Leggere I Mercanti dell'Apocalisse si è rivelato un'autentica e piacevolissima sorpresa, non avendo mai avuto l'occasione di approcciarmi ad un thriller finanziario prima d'ora. 
Devo ammettere che è stata proprio questa particolare tipologia di genere che mi ha spinto ad accettare questa proposta di lettura; scoprendo tra le mie mani, pagina dopo pagina, un romanzo che racchiude perfettamente l'essenza stessa del thriller - di un buon thriller mi sento di sottolineare - in grado di catturare l'attenzione e la vivida curiosità del suo lettore, ingabbiandolo in una morsa di tensione e adrenalina crescente da cui non riuscirete facilmente a fuggire! 

Protagonista maschile di questo romanzo è Daniel Martin - matematico brillante ed acuto in forza all'Interpol - che si ritrova suo malgrado coinvolto in una serie di eventi tragici e di inevitabili conseguenze difficilmente gestibili; tali da costringerlo a fuggire dalla sua stessa vita e dall'amore sconfinato della sua piccola bambina al solo fine di proteggere il suo fragile futuro da uomini sconosciuti e totalmente privi di scrupoli. Intrighi,  omicidi,  truffe e tradimenti sono solo alcuni degli elementi focali di questo romanzo e dell'alta finanza internazionale dove Martin e Anna - inconsapevolmente autrice e vittime di un circolo vizioso fatto di economie, numeri ed illeciti guadagni - si troveranno a dover sopravvivere, escogitando ogni sorta di piano per salvare le proprie vite e quelle di chi amano.

« Avevo un disegno chiaro per il mio futuro e i mezzi finanziari per preparare la mia nuova vita. 
Chi aveva tirato i fili del destino e giocato con me e con la mia famiglia non doveva neppure immaginarlo, ma io l'avrei cercato! »

La premessa da fare prima di addentrarmi maggiormente nella mia recensione è che I Mercanti dell'Apocalisse fa parte di una saga e, come ogni primo capitolo che si rispetti tale, lascia nel lettore un doveroso tarlo di dubbio e curiosità accompagnato dalle inevitabili domande senza risposta. 
Quindi, quando arriverete alla fine di questo romanzo non sorprendetevi se molti dei propositi del nostro protagonista sono stati apparentemente accantonati a favore di una storia improvvisa ed imprevista, capitata tra capo e collo, in una situazione a dir poco controversa, costruita dall'autore con le giuste intersezioni ed affilate alchimie tali da lasciare il suo lettore con il fiato sospeso, fino all'ultimo. 
L'unico mio rammarico subito più volte durante la lettura di questo romanzo - e di questo davvero nulla ha colpa il suo autore - è l'aver completamente dimenticato le poche nozione apprese durante le lezioni scolastiche di economia, abbandonate in un cassetto polveroso dopo la maturità. 
Forse la comprensione di tutti quei termini tecnici - complessi ma essenziali al fine della storia - è stata proprio la parte più ostica nel mio approcciarmi ad un romanzo che, in ogni caso, mi ha totalmente coinvolta, appassionata e trasportata in un contesto che, a ragionarci un po' sopra, potrebbe apparire ai nostri occhi pericolosamente vicino ed attuale! 

Grazie ad uno stile narrativo molto diretto e lineare, legato da un uso predominante di dialoghi, la lettura appare scorrevole e priva di particolari intoppi; una particolarità che, da un lato, riesce sicuramente a catalizzare l'attenzione frenetica del lettore, ma che, allo stesso modo, impedisce di soffermarsi in dettagli e particolarismi che, a mio personale avviso, avrebbe concesso più pathos alla narrazione. 
La descrizione dei personaggi è abbastanza esauriente, in modo particolare Martin, il protagonista maschile, ci viene presentato in tutta la sua umana fragilità, in quel gioco affascinante di luci ed ombre che crea una naturale empatia con un lettore desideroso di sapere, conoscere e curiosare in un passato ancora avvolto da una coltre di nebbia difficile da arginare. 
I Mercanti dell'Apocalisse è un romanzo che mi sento di consigliare a quanti sono alla ricerca di una lettura che sappia tenerli incollati alle pagine con un protagonista intrigante e misterioso a cui inevitabilmente riesce difficile resistere a lungo. 
Per mia esperienza diretta, posso garantirvi una lettura frenetica ed appassionante, non semplici sotto alcuni punti di vista, ma ugualmente interessante ed ideale per quanti di voi sono pronti ad immergersi in qualcosa di assolutamente originale e che vada al di là dell'ordinario. 

E voi, Lettori, cosa ne pensate di questo romanzo? Lo avete già letto o vi incuriosisce al punto da sceglierlo come prossima lettura o in vista di un'immancabile inserimento nella vostra già nutrita wishlist?
Lasciatemi le vostre impressioni a caldo nei commenti.. 
Cristina

4 commenti

  1. Ciao Cri, la tua recensionemi ha incuriosita si eccome, non so sesia la lettura giusta per me adesso perche' sono in modalita' romance al momento pero' lo tengo presente, grazie! ^_^ ps buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un buon thriller ci sta sempre bene.. anche in un periodo romance! ;)

      Elimina
  2. Letto e ti devo dire che mi è piaciuto moltissimo...dove finisce la fantasia e comincia la realta? Ho trovato questo libro molto attuale con le vicende vere che stanno capitando in questo periodo.....ho in lista il secondo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente inquietante sotto questo punto di vista!

      Elimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top