Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

RECENSIONE + GIVEAWAY : I Figli Segreti Di Hitler di Ingrid Von Oelhafen e Tim Tate

Buongiorno Lettori! 
L'anno che sta per concludersi è stato un anno di cambiamenti e di nuove esperienze, di incontri e qualche delusione, di nuove avventure e di piccole gioie da blogger che mi hanno riempito il cuore di inaspettata gioia e felicità.
E proprio per cominciare nel modo migliore un 2016 che porta con sé piccole aspettative e qualche deliziosa sorpresa, ho deciso di mettere in palio la mia copia personale di I Figli Segreti di Hitler - ultimo libro letto nell'anno appena concluso - di cui vi anticipo una breve recensione assolutamente spoilers free con le regole per partecipare che troverete appositamente scritte alla fine dell'articolo.
Buona Lettura... ed in bocca al lupo!

A soli 9 mesi, Erika Matko viene sottratta alla sua famiglia in Jugoslavia e trasferita in Germania per essere inserita all’interno di uno degli esperimenti più agghiaccianti condotti dal nazismo: il Lebensborn, un programma che prevedeva la creazione di una nuova razza ariana. La piccola Erika era stata selezionata perché, contrariamente ai suoi fratelli, aveva occhi azzurri e capelli biondi, ed era quindi considerata – secondo gli standard dei nazisti – ariana. La bambina viene affidata a dei genitori adottivi, che la ribattezzano Ingrid von Oelhafen, nascondendole la sua origine. Solo molti anni dopo Erika/Ingrid viene gradualmente a conoscenza della verità. Da quel momento, comincia il calvario per cercare la sua vera famiglia, un doloroso viaggio che passerà attraverso la scoperta delle atrocità commesse dai nazisti in nome del Lebensborn: il rapimento di decine e decine di migliaia di bambini destinati al programma e l’uccisione di molti altri che non rientravano negli standard previsti. Una volta arrivata nel suo paesino d’origine, però, Erika non troverà ancora pace: verrà a sapere che un’altra donna ha utilizzato il suo nome e ha vissuto la sua vita..

Storia: 5 | Personaggi: 3.5 | Stile: 4 | Copertina: 3

Cercare di riportare nero su bianco le mutevoli sensazioni provate leggendo I Figli Segreti di Hitler è tutt'altro che facile: la storia che viene raccontata in queste pagine porta inevitabilmente a mille domande che possono essere riassunte attraverso riportate come dedica e monito all'inizio del libro..

« Questo libro è dedicato a tutte le vittime della Germania nazista e a coloro che ancora oggi, in tutto il mondo, sono vittime del malvagio pregiudizio secondo il quale una razza, un credo o un colore è superiore a un altro. »

Ingrid von Oelhafen - cresciuta come figlia della Germania da una madre che l'ha sempre allontanata, respingendola da ogni affetto o carezza e da un padre  che ha sempre temuto, quasi impaurita dalla sua forza ed autorità - è la protagonista inconsapevole di uno dei più agghiaccianti esperimenti nazisti, taciuto per molto tempo a causa del profondo senso di vergogno che continua, ancora oggi, ad aleggiare attorno al suo nome: Progetto Lebensborn.
Il Progetto Lebesborn - letteralmente sorgente di vita - fu uno dei numerosi programmi ideati e concretamente realizzati da Heinrich Himmler per la realizzazione delle teorie eugenetiche del Terzo Reich miranti alla supremazia mondiale della razza ariana. La creazione di case di accoglienza per madri e bambini - almeno inizialmente questo era lo scopo originario - frutto di leggi che incentivano rapporti sessuali prima e fuori del matrimonio, al fine di costruire quella che demograficamente avrebbe costituito la perfetta società ariana in grado di governare sull'intera umanità dopo la guerra vittoriosa; per poi diventare iniziale destinazione di migliaia di bambini rapiti alle proprie famiglie d'origine nei paesi conquistati - seppur rispondenti a specifiche caratteristiche fisiche opportunamente controllate e misurate da organismi creati ad hoc dalla compagine hitleriana - ed essere infine affidati alle sole famiglie geneticamente meritevoli e fedeli al regime nazista.
Ingrid e Erika Matko sono la stessa bambina che - strappata dalle braccia della madre insieme ad altre centinaia di innocenti jugoslavi - è stata affidata ad una brava famiglia tedesca per essere cresciuta secondo ideologie e tradizioni naziste, crescendo nell'ignoranza del suo vero nome, della sua vera famiglia e della sua origine che la sua giovane età le ha permesso ben presto di dimenticare.
Quello che viene raccontato è il viaggio profondo e doloroso di una lontana bambina di Lebesborn che assiste inerme al progressivo sgretolarsi di ogni sua piccola certezza, ricordo dopo ricordo, trasformando tutta la sua vita in un pesante ed ingombrante punto interrogativo. 
Un viaggio fatto di ostacoli e pregiudizi, di vergogna e paura che la porteranno molte volte a mettere in dubbio la sua stessa volontà di riabbracciare se stessa dopo anni di buio, di confusione e di verità celate dietro al buon nome di famiglia.
Quando ho deciso di leggere questo libro non sapevo nulla del Progetto Lebesborn e l'inaudita crudeltà - che traspare chiaramente dalle parole dell'ignara protagonista - mi ha colpito prepotentemente come un pugno sferrato in pieno stomaco. Non esistono giustificazioni plausibili alle ragioni che hanno condotto la nostra storia europea verso tale abisso di violenza, ignoranza, puerilità ed inconcepibile esaltazione. Ma è poi così tanto distante dagli attacchi terroristici, dalle promesse di morte e dalle guerre a cui assistiamo inermi nel presente?
Allora era la razza ariana, eletta come razza superiore, perfetta e suprema da un uomo che non rappresentava alcuno dei tratti caratteristici così tanto esaltati; poi è intervenuto il colore della pelle che ha portato alla segregazione e alla discriminazione di migliaia di uomini, donne e bambini.. ora è la religione. Riusciremo a correggere i nostri errori e a comprendere che siamo più simili di quanto sembriamo?

#BEFANAGIVEAWAY - COME PARTECIPARE:

1. Essere o diventare lettori fissi del Blog, cliccando sull'apposito box nella colonna a destra;
2. Condividere l'iniziativa nei vari social usando l' #BefanaGiveaway e taggando Leggere in Silenzio;
4. Lasciare un commento alla recensione insieme al vostro indirizzo di mail così da potervi contattare in caso di vincita, ai link di condivisione e al nome usato come lettore fisso;
5. Diventare fan di Leggere in Silenzio, dell'account Twitter Instagram se siete iscritti ai sociali elencati!

N.B. Ogni punto verrà scrupolosamente controllato dalla sottoscritta :)

Come ultimo step, è sufficiente compilare il form sottostante che sarà attivo fino al prossimo 06.01.2016; quando verrà estratto il fortunato vincitore della copia di I Figli Segreti di Hitler edito Newton Compton Editori. Il vincitore in questione avrà 3 giorni di tempo per rispondere affermativamente comunicando l'indirizzo a cui inviare il pacco regalo! 

a Rafflecopter giveaway

E con questa piccola sorpresa libresca come piace a noi, vi auguro di passare una bellissima notte di Capodanno con qualche piccolo postumo nel giorno dopo per poi ripartire alla grande in un 2016 da trascorre ancora insieme in un mondo di libri da leggere in silenzio!
Cristina
36

HAPPY BOOKS YEAR: Leggere In Silenzio #TopBooks

Buongiorno Lettori! 
In questo penultimo giorno del nostro primo anno insieme, ho pensato di tentare la redazione di un bilancio che - decisamente più piacevole dei lontani esercizi di economia aziendale - si è chiuso perfettamente con un notevole segno positivo e con una grande aspettativa per l'anno che verrà.
Dando un'occhiata veloce al mio fidato compagno di viaggi letterari - GoodReads che non mi ha mai abbandonato nemmeno per un secondo - il mio anno di libri pone l'accento sulla lettura di ben 41 romanzi - i numerosi impegni universitari hanno notevolmente rosicchiato le mie ore di relax - con le loro 12.554 pagine lette; dove I Due Volti di Nuova Delhi e L'Ombra del Silenzio hanno segnato rispettivamente i romanzi con il minore ed il maggiore numero di pagine vissute in questo proficuo anno letterario. Anno che vede ne Il Buio Oltre La Siepe la mia lettura più popolare e nell'emergente romanzo di Sara Zelda Mazzini, Nichi Arriva Con Il Buio quella con il ranking più alto - ed ovviamente presenti nella mia TopBooks.

Una sostanziosa premessa che mi permette di presentarvi le mie due speciali #Top5 costruite per l'occasione - non con poche difficoltà intervallate da letterari dubbi amletici - sperando che possano essere spunto per le vostre prossime letture nel nuovo anno oramai dietro l'angolo.



Il Buio Oltre La Siepe di Harper Lee: non è semplicemente un manifesto letterario contro il razzismo, ma una vera e proprio testimonianza di lotta con la seppur naturale paura umana verso la diversità.. Qualunque ne sia la causa, è accomunata da un evidente difetto presente negli occhi di chi osserva, nelle mani di chi giudica e nel cuore di chi si erge giudice supremo verso chi non vuole e non riesce a capire.
La Ragazza Nella Nebbia di Donato Carrisi: leggere questo romanzo significa affrontare un ritmo narrativo crescente e - proprio nel suo epilogo - progressivamente intenso che non può lasciare via di scampo.
Il Miniaturista di Jessie Burton: ritmico è lo stile utilizzato dalla scrittrice che riesce perfettamente ad incalzare il lettore, a nutrirlo di dubbi ed incertezze, senza mai rivelare quello che intimamente spera di leggere e lasciare, invece, quel pizzico di curiosità e tensione alla fine di ogni capitolo.



Prometto Di Sbagliare di Pedro Chagas Freitas: Ogni singolo episodio che viene raccontato permette al lettore di entrare in punta di piedi in una vita, in una realtà, in un'emozione che è anche nostra ed è reazione inevitabile leggere quelle parole e vagare tra i diversi ricordi, attraverso le indimenticabili gioie e le piccole delusioni che hanno plasmato, anno dopo anno, il nostro cuore; costruendo passo dopo passo la donna e l'uomo che siamo oggi! 
L'Ombra Del Silenzio di Kate Morton: lo stile linguistico della Morton viene riproposto in tutta la sua autentica forza e magnetica attrazione anche in questo romanzo; è possibile viaggiare nel tempo attraverso epoche diametralmente opposte e negli occhi di donne che hanno vissuto dolori, gioie ed ingiustizia nemmeno lontanamente paragonabili.

Questo primo anno da blogger mi ha permesso di entrare in contatto con numerosi scrittori emergenti che hanno riposto grande fiducia nel mio personale giudizio - e di questo non posso che esserne grata ed orgogliosa - tanto da farmi entrare in punta di piedi in storie, incontrare personaggi ed provare emozioni che meritano di essere vissuti anche e soprattutto da voi lettori.. 
Sono fermamente convinta che il loro coraggio di mettersi in gioco debba essere premiato con qualche nuova lettura: ecco la mia speciale #Top5Emergente.



Il Segreto Della Crisalide di Denise Aronica: è un romanzo che racconta una storia forte e di immediato impatto affrontata con il massimo rispetto e un' adeguata delicatezza capace di toccare e sfregare le corde più sensibili dell'animo umano.
Il Nostro Gioco di Ilaria Pasqua: è una bellissima storia di amicizia, generosità e coraggio; un manifesto di come il vero potere si ritrovi negli occhi di un bambino, nella sua anima pura ed intatta e in quella ferma volontà di amare profondamente chi è stato condannato, senza colpe, dall'ignoranza inspiegabile dei grandi.
Nichi Arriva Con Il Buio di Sara Zelda Mazzini: leggete questo romanzo e fatelo aprendo il vostro cuore, senza riserve, alle sue parole perchè, ne sono certa, non ne rimarrete affatto delusi. 


La Mia Musica Sei Tu di Alessandra Angelini: è un romanzo sull'amore e sull'amore per la musica che non potrà che affascinare e far vibrare le corde del vostro cuore, come il più perfetto degli assoli!
Il Serpente Dorato di Veronica Elisa Conti: è una lettura capace di tenere letteralmente con il fiato sospeso e, se siete affascinati come la sottoscritta dall'inconoscibile o dall'inspiegabile, sono quasi completamente sicura che questo romanzo è fatto essenzialmente per voi!

Devo ammettere che non è stato affatto semplice scegliere solo cinque romanzi perchè - non so per fortuna o maggiore oculatezza - i libri letti in questo anno mi hanno regalato piacevoli conferme, impreviste sorprese ed emozioni tangibili ben al di là di ogni mia più rosea aspettativa.
Questo non fa che aumentare vertiginosamente le mie attese per il nuovo anno che, viste le premesse delle nuove anteprime, sembrerebbe essere decisamente ricco ed altamente pericoloso per le mie finanze.. ma ora la parola passa a voi, cari Lettori, quali sono stati i vostri #Top5? 
Quali letture hanno lasciato il segno in questo 2015?
Lasciatemi le vostre scelte nei commenti...
Cristina
5

[ SEGNALAZIONE ] : Te Lo Dico Sottovoce di Lucrezia Scali

Buongiorno Lettori! 
Okay. Babbo Natale a quest'ora si starà giustamente godendo le meritate ferie, ma è forse questo un motivo per non consigliarvi un bel regalo libroso di inizio anno?
Dopotutto, la Befana è già in viaggio sopra la sua scomoda e striminzita scopa: vogliamo forse deluderla non chiedendole nulla?
Assolutamente no! Le nostre #2016wishlist stanno già scalpitando ed oggi voglio presentarvi un libro che forse molti di voi già conoscono come romanzo auto-pubblicato, ma che dal prossimo 4 Gennaio sarà disponibile in ogni libreria edito Newton Compton : Te Lo Dico Sottovoce di Lucrezia Scali.
Scopriamolo insieme..

Prezzo: 9.90€ - 4.99€ ( ebook )
Pagine: 288
DAL 4 GENNAIO IN LIBRERIA.
Mia ha trent’anni, un passato che preferisce non ricordare e una famiglia da cui cerca di tenersi alla larga. 
Meglio stare lontano dalle frecciatine della sorella e da una madre invadente che le organizza appuntamenti al buio..
Di notte sogna il principe azzurro, ma la mattina si sveglia accanto a Bubu, un meticcio con le orecchie cadenti e il pelo morbido. 
La sua passione sono gli animali e infatti, oltre a gestire una delle cliniche veterinarie più conosciute di Torino, Mia sta per realizzare un progetto a cui tiene moltissimo: restituire il sorriso ai bambini in ospedale attraverso la pet therapy. 
Il grande amore romantico, però, non sembra proprio voler arrivare nella sua vita. 
O almeno, così pensa Mia, prima di conoscere Alberto, un medico affascinante, e Diego, un ragazzo sfuggente che si è appena trasferito a Torino dalla Puglia. 
Cupido sta finalmente per scagliare la sua freccia: riuscirà a colpire la persona giusta per il cuore di Mia?

Lucrezia Scali è nata a Moncalieri nel 1986 e qualche anno più tardi si è trasferita a Torino. Il suo amore per gli animali l'ha guidata fino alla facoltà di Medicina Veterinaria di Grugliasco, dove studia ancora. Dal 2012 gestisce un blog - Il Libro Che Pulsa.
Te lo dico sottovoce, suo romanzo d'esordio inizialmente auto-pubblicato, è stato nelle classifiche dei libri digitali per oltre tre mesi, finché non è stato scoperto dalla Newton Compton.
Cristina
1

ANTEPRIMA #33 : Una Mattina Di Ottobre di Virginia Baily

« 16 ottobre 1943 è lo splendido libro di Giacomo Debenedetti che descrive il rastrellamento degli ebrei nel ghetto di Roma raccontando le piccole storie della gente comune.
Una in particolare mi ha colpito: una donna cerca di salvare un bambino, dicendo di essere sua madre.
Il bambino, però, inizia a piangere e a urlare così forte che i soldati capiscono, e lo portano via.
Ma cosa sarebbe successo se, quel giorno, quel bambino non avesse pianto? 
Ho deciso che quella era la storia che volevo raccontare.
Di come tutto può cambiare in un istante, 
di come a volte la differenza tra la vita e la morte è appesa a un filo. »

Prezzo: 416
Pagine: 16.90€
Data di Pubblicazione: 14 Gennaio 2016
L’alba color acciaio è fredda come la pioggia sottile che si deposita silenziosa tra i suoi capelli e le scivola lungo il collo. Chiara Ravello però ha smesso di farci caso nell'istante in cui si è inoltrata nel quartiere ebraico. Ha come la sensazione che quei vicoli siano stati svuotati di vita e non rimanga che l’eco di una sofferenza muta. Quando sbuca in una piazza, Chiara vede un camion sul quale sono ammassate diverse persone. Tra di esse, nota una madre seduta accanto al figlio. Le due donne si fissano per alcuni secondi. Non si scambiano nemmeno una parola, basta quello sguardo. Chiara capisce e, all'improvviso, incurante del pericolo, inizia a gridare che quel bambino è suo nipote. Con sua grande sorpresa, i soldati fanno scendere il piccolo e mettono in moto il camion, lasciandoli soli, mano nella mano.
Sono passati trent’anni dal rastrellamento del ghetto di Roma, e all’apparenza Chiara conduce un’esistenza felice. Abita in un bell'appartamento in centro, ha un lavoro che ama, è circondata da amici sinceri. Tuttavia su di lei grava il peso del rimpianto per quanto accaduto con Daniele, il bambino che ha cresciuto come se fosse suo e che poi, una volta adulto, è svanito nel nulla, spezzandole il cuore. 
E, quando si presenta alla sua porta una ragazza che sostiene di essere la figlia di Daniele, Chiara si rende conto che è arrivato il momento di fare i conti con gli errori commessi, con le scelte sbagliate, con i segreti taciuti troppo a lungo. Perché solo affrontando il proprio passato potrà finalmente trovare la forza di riannodare i fili di quel legame stretto una fredda mattina di ottobre del 1943..

Ci sono istanti che decidono il nostro destino. Istanti in cui ci dimostriamo più forti o più deboli di quanto non immaginavamo. Eppure il romanzo di Virginia Baily ci ricorda che il vero coraggio risiede nel vivere giorno dopo giorno con le conseguenze delle nostre azioni. Perché se impariamo ad accettare il passato, il futuro sarà sempre un passo davanti a noi, prodigo di sorprese.

Virginia Baily è nata e cresciuta in Inghilterra, dove ha conseguito un dottorato in Letteratura inglese, ma ha vissuto per diverso tempo a Roma, imparando a conoscere e ad amare la lingua, la storia e la cultura del nostro Paese. Attualmente vive a Exeter, nella regione del Devon, e dirige la rivista Riptide, che seleziona e pubblica racconti dei migliori scrittori esordienti inglesi.
Si è imposta all'attenzione del pubblico e della critica di tutto il mondo grazie a Una mattina di ottobre, romanzo ispirato alla vicenda del rastrellamento del ghetto di Roma.

Come avrete avuto modo di scoprire leggendo queste mie pagine e curiosando tra le varie recensioni, sono particolarmente attratta da romanzi e libri biografici ambientati durante la Seconda Guerra Mondiale, narranti la storia ed il dolore di quegli anni bui dove l'antisemitismo, il pregiudizio e l'inconsistente superiorità razziale ha accecato milioni di uomini, incapaci di vedere e di ribellarsi di fronte alla pagina più oscura della nostra storia contemporanea.
Ecco perchè Una Mattina Di Ottobre è entrata immediatamente nella mia wishlist del nuovo anno.
E voi, Lettori, cosa ne pensate di questa anteprima?
Cristina
0

[ SEGNALAZIONE ] : ll Risveglio di Fahryon – Il Suono Sacro di Arjiam #2 di Daniela Lojarro

Saaaalve Lettori!
Prima di ributtarmi a capofitto sopra le odiate carte universitarie, vi lascio in compagnia di una nuova segnalazione ancora emergente e totalmente made in Italia!
Si tratta della seconda parte di Il Risveglio di Fahryon che ho avuto già il piacere di ospitare nella rubrica #scrittoriemergenti qualche settimana fa..

Fahryon, neofita dell’Ordine dell’Uroburo, fugge dalla capitale del regno di Arjiam insieme ad Uszrany, cavaliere dell’Ordine del Grifo, per evitare di cadere nelle mani del potente nobile Primo Cavaliere del regno, il nobile Mazdraan, segretamente adepto della Malia, l’insidiosa magia legata al Silenzio e al Vuoto.
Tuttavia, durante la precipitosa fuga, il nobile Mazdraan cattura Uszrany; Fahryon, invece, è tratta in salvo da Vehltur, un misterioso Magh. 

Mentre Uszrany, prigioniero del nobile Mazdraan, scopre sconcertanti segreti sulla storia del regno e impara a convivere con i fantasmi del suo passato, Fahryon, sotto la guida di Vehltur, inizia il cammino iniziatico che, prova dopo prova, la prepara al confronto con il suo avversario, il nobile Mazdraan. 

« Il tumulto che udiva e che provava cessò. Fahryon, stordita da quell'improvvisa calma, attese qualche istante con il cuore che batteva all'impazzata; poi, rialzò cautamente il capo, trattenendo il fiato per lo spavento e per lo stupore. »


Link Di Acquisto: Amazon | Mondadori Store | La Feltrinelli

Daniela Lojarro è nata a Torino. Terminati gli studi classici e musicali - canto e pianoforte -, vince alcuni concorsi internazionali di canto che le aprono le porte fin da giovanissima a una carriera internazionale sui più prestigiosi palcoscenici in Europa, negli Stati Uniti, in Sud Corea, in Sud Africa nei ruoli di Lucia di Lammermoor, Gilda in Rigoletto e Violetta in Traviata. Alcuni brani che ha inciso sono entrati nelle colonne sonore di diversi film, fra i quali The Departed di M. Scorsese, Il giovane Toscanini di F. Zeffirelli e I shot Andy Wharol di M. Harron. Si dedica anche all’insegnamento del canto e alla musicoterapia come terapista in audio-fonologia, una rieducazione della voce e dell’ascolto rivolta ad adulti o bambini con difficoltà nello sviluppo della lingua oppure ad attori, cantanti, commentatori televisivi, insegnanti, manager per sviluppare le potenzialità vocali.
Cristina
0

[ SEGNALAZIONE ] : Giorni di Crisi e Tulipani di Gilda Di Nardo

Buongiorno Lettori.
Come avete passato il Natale? Vi sentite un po' la Zia Marge di Harry Potter dopo un decisamente troppo succulento pranzo finito male?
Anche oggi a casa mia si respira aria di festa, parenti, tavole imbandite e decisamente troppe calorie, ma - ritagliandomi una piccolissima porzione di tempo per stare in compagnia dei miei Lettori in Silenzio - sono riuscita ad aggiornare questo mio angolo con una nuova #segnalazione tutta italiana ed emergente insieme a Gilda Di Nardo ed i suoi Giorni di Crisi e Tulipani... prima di ributtarci nella mischia, scopriamola insieme!

Link Acquisto
Leggerezza, amarezza, ironia e intensità in una storia che si svolge in una dolente e affascinante Roma: vita quotidiana, fotografia, lavoro, manifestazioni, amori, amicizie, una donna, la sua casa e l'improvvisa e misteriosa comparsa di mazzi di tulipani. 
Giornate che divengono sempre meno ordinarie e un mistero che si infittisce, una donna e la sua strampalata squadra investigativa: il suo compagno, l'hacker coinquilino, un giovane tutto treccine e rabbia, un anziano cieco che abita nel palazzo, un giovane amico olandese. 
Seguire le tracce della misteriosa comparsa dei tulipani porterà la protagonista a conoscenza di una storia che mai avrebbe immaginato e le farà scoprire un nuovo senso della vita. 
Un percorso introspettivo ma diretto e accattivante, una giocosa riflessione sulla vita, la morte, il senso dei nostri giorni e delle nostre crisi, un racconto che accompagna il lettore a trovare un senso alle montagne russe su cui a volte la vita ci fa salire.


Gilda Di Nardo è nata nel 1976 a Taranto, vive a Roma dove lavora come psicologia e psicoterapeuta, oltre che in ambito didattico e di formazione nel settore della minorazione visiva. Al suo esordio nel settore della narrativa, ha in passato collaborato con alcune riviste di psicologia ed editoriali online, pubblicando due testi di stampo scientifico editi Sovera Edizioni.
Cristina
1

[ SEGNALAZIONE ] : Ti Regalo L'Amore di Alessandra Paoloni

Buongiorno Lettori! 
Indaffarati con la corsa finale ai regali? O vi state regalando un po' di meritato relax?
Qualunque sia la vostra attuale occupazioni, fermatevi un attimo e leggete con attenzione!
Infatti, solo per oggi - 23 Dicembre - la casa editrice Newton Compton Editori mette a nostra disposizione i suoi numerosi ed interessanti ebook all'eccezionale prezzo di €0.99.
Ora il dilemma è un altro: quale scegliere?
Così ho pensato di darvi una mano, consigliandovi un titolo tutto nostrano che mi ha particolarmente attirato per due ordine di ragioni: 1. La protagonista è una patita di serie TV in streaming e 2. La mia amata Perugia è la location scelta per questa intrigante ed appassionante storia d'amore. 
Cosa può chiedere di più un' umbra telefilmica come la sottoscritta?
Ma scendiamo nel dettaglio..

SOLO PER OGGI EBOOK A 0.99€.

« Ti hanno regalato molto di più e ancora non te ne accorgi.. »

Single da poco, disoccupata, Clelia trascorre le sue giornate tra serie TV in streaming e lunghe sedute di relax sul divano. 
Ma la sua vita monotona cambierà quando, per il suo trentesimo compleanno, riceve in regalo un viaggio organizzato dalla Doppio di Cuori, un'agenzia italiana di meetings & holidays. 
Ad accompagnarla nel suo viaggio ci sarà Dante, un ragazzo bello, gentile e anche misterioso. Il feeling tra i due è destinato a tramutarsi in qualcosa di più profondo. Infatti, nell'assolata campagna umbra e all'ombra dei monumenti della città di Perugia, nascerà una storia sensuale e tenera al tempo stesso. Clelia crede finalmente di vivere la sua favola ma la realtà, sempre in agguato, busserà ben presto alla sua porta..


Alessandra Paoloni è nata a Tivoli nel 1983. Coltiva fin da bambina una passione quasi viscerale per la scrittura e la lettura, pubblica fin da giovanissima poesie e racconti su riviste e giornali locali. 
Ti Regalo L'Amore - romanzo autopubblicato - ha riscosso notevole successo di pubblico in rete.

Come mio solito, sto vivendo nell'indecisione più totale.. 
E voi, Lettori, cosa ne pensate di questa interessantissima iniziativa?
Cristina
0

ANTEPRIMA #32 : Nei Tuoi Occhi di Nicholas Sparks

Buonasera Lettori! 
In questa giornata solitamente dedicata alla nostra rubrica speciale di #adottaunlibro, voglio inaugurare la luuuunga fila di articoli sulle prossime ed imminenti uscite letterarie facendo un salto direttamente dalla mia libreria. E, in modo particolare, nello scaffale dedicato ai miei scrittori preferiti tra cui troviamo un certo J.R.R. Tolkien, affiancato da Ken Follett, in compagnia del misterioso Carlos Ruiz Zafon e da lui... il poeta dell'amore.. Nicholas Sparks.
Chi mi conosce un po' saprà che non amo particolarmente i romanzi tutto sole, cuore, amore e fantasia e - molto probabilmente - storcerà ancora una volta il naso leggendo proprio questo nome tra i miei top5 e notando la mole decisamente importante dei suoi libri. Eppure no, non allarmatevi! Perchè Nicholas non parla semplicemente di amore, ma riesce con il suo stile linguistico sempre puro e diretto ad abbracciarne ogni più piccola sfaccettatura e - credetemi se lo metto ora nero su bianco - non scoverete un romanzo uguale all'altro. Anzi, leggendo i suoi libri riuscirete a trovare il tempo perfetto per volare grazie alle vigorose ali della vostra fantasia e, allo stesso tempo, per fermarvi a pensare quanto semplicemente vero e reale sia il messaggio nascosto tra quelle pagine..
Vi suona come una dichiarazione d'amore? Ebbene, lo è! Perchè Sparks è riuscito a smantellare le mie convinzioni su un genere che prima schivavo con cosciente determinazione e di cui ora certo non potrei fare a meno. Ogni sua nuova pubblicazione viene seguita dalla sottoscritta con gioia, ansia ed un misto di malcelata eccitazione fin dalla primissima traccia; restando in pazienza ed allerta attesa della sua venuta nel nostro bel paese. 
E finalmente, dopo mesi di attesa dall'uscita americana di See Me, dal prossimo 12 Gennaio 2016 il nuovo romanzo Nei Tuoi Occhi occuperà le principali vetrine delle nostre librerie con una copertina che richiama chiaramente lo stile dei suoi precedenti lavori.
Una nuova emozionante e travagliata storia d'amore che saprà conquistare anche i cuori più diffidenti e recalcitranti perchè Sparks si approccia ad ogni sua storia con una spontaneità e naturalezza tali da essere percepiti da ogni suo lettore; i fedelissimi sapranno scorgere ancora una volta la magia tra le sue pagine, mentre i nuovi curiosi resteranno sicuramente ammaliati dall'agire poetico di un uomo che racconta l'amore in ogni sua forma, colore e dimensione...

Prezzo: 19.90
Pagine: 512
Per ripagare i sacrifici dei genitori, Maria ha lavorato giorno e notte fino a diventare quello che è: il ritratto del successo. Lei è bella, di quella bellezza scura e appassionata che hanno le donne latine, eppure non ha una relazione, tutta presa prima della laurea e poi dal posto nello studio legale più importante della zona. Qualcosa, però, mette in pericolo la sua carriera e Maria sente il bisogno di rientrare a Wilmington e cercare la protezione della sua famiglia. Colin sta facendo del suo meglio per ridare un significato alla propria esistenza. Non ha ancora trent'anni, ma la violenza lo ha già segnato profondamente e lui non vuole più correre il rischio di finire in prigione. Le sue giornate sono scandite dallo studio, dalla palestra e dal lavoro nel bar di Wilmington, la città dove vive ora grazie a una coppia di amici che gli fa da famiglia, proteggendolo da se stesso. E' affascinante e lo sa, ma in questo momento una relazione è l'ultimo dei suoi pensieri. Come sempre il destino mescola le carte e lo fa in una notte di pioggia torrenziale, quando Maria rimane con una gomma a terra e Colin non può fare a meno di fermarsi ad aiutarla.
E' l'inizio di qualcosa, forse, una promessa di futuro.
Che rischia di essere distrutto dai demoni del loro passato. E che soltanto chiamando quella promessa amore può diventare la loro realtà. La storia di Colin e Maria.

Nicholas Sparks è nato in Nebraska nel 1965 e ha studiato alla University of Notre Dame.
Vive con la moglie e i cinque figli in North Carolina. Insuperabile narratore dei sentimenti, ha scritto numerosi bestseller, tradotti in più di quaranta lingue e sempre presenti ai vertici delle classifiche internazionali.
www.nicholassparks.it

Lettori, non so se avete vagamente percepito la mia impazienza nel leggere questo romanzo.. ora la parola passa a voi, cosa ne pensate? Avete avuto modo di conoscere Sparks o vi piacerebbe farlo?
Lasciatemi le vostre considerazioni nei commenti..
Cristina
4

RECENSIONE: La Ragazza Nella Nebbia di Donato Carrisi

Buongiorno Lettori. 
Solo ieri vi presentavo La Ragazza Nella Nebbia insieme alle altre #nuoveadozioni di queste mese ed oggi - dopo aver letteralmente divorato le ultime cento pagine - mi ritrovo a mettere nero su bianco la mia personale opinione di un romanzo scelto come scommessa e rivelatesi una delle migliori sorprese di questo anno!
                               ────────────────
La notte in cui tutto cambia per sempre è una notte di ghiaccio e nebbia ad Avechot, un paese rintanato in una valle profonda fra le ombre delle Alpi. 
Forse è stata proprio colpa della nebbia se l'auto dell'agente speciale Vogel è finita in un fosso. 
Un banale incidente. Vogel è illeso, ma sotto shock. 
Non ricorda perché è lì e come ci è arrivato. 
Eppure una cosa è certa: l'agente speciale Vogel dovrebbe trovarsi da tutt'altra parte, lontano da Avechot. Infatti, sono ormai passati due mesi da quando una ragazzina del paese è scomparsa nella nebbia...
Storia: 5 | Personaggi: 5 | Stile: 4 | Cover: 4

Incontrare un nuovo scrittore è un po' come nella vita reale quando uno sconosciuto ci viene presentato e ci ritroviamo con un misto di sensazioni contrastanti che vanno dalla umana diffidenza alla più femminile curiosità.
Quando ho deciso di leggere La Ragazza Nella Nebbia mi sono approcciata al romanzo come si fa dopo aver dato il via ad una sfrontata scommessa, pronta ad uscirne vittoriosa o altrimenti sconfitta e con quella naturale, piccola paranoia da delusione dietro la pagina che inevitabilmente fa parte di noi spregiudicati lettori.
Per quanto mi riguarda - scevra da paragoni con i suoi precedenti lavori - posso assolutamente affermare che scoprire Carrisi è stata una vittoria da ogni singolo punto di vista.
La Ragazza Nella Nebbia ha catturato la mia attenzione e la mia vivida curiosità fin dal principio, presentando quell'alternarsi tra passato e presente che - almeno per i miei personalissimi gusti - rappresenta un mio oltremodo dichiarato punto debole; tale da permettermi di entrare immediatamente in sintonia con l'anima del romanzo.
Attraverso le sue pagine, Carrisi traduce nero su bianco una non velata critica a quell'insensato quanto crudele circo mediatico che viene a crearsi intorno ad un crimine; abbracciandone ogni sua piccola ed oscura sfaccettatura, creando un vero e proprio show fatto di interviste pressanti e al limite della decenza, di piccoli giochi di potere e di audience andando contro ad ogni sentimento di umana compassione e generale rispetto.
Una realtà che, purtroppo, è davanti ai nostri occhi quasi quotidianamente e su cui Carrisi pone l'accento attraverso le parole, i gesti e le intenzioni del suo quantomai controverso protagonista: l'agente speciale Vogel. 
Teatro della vicenda è un paesino praticamente sconosciuto dove - nel silenzio di una piccola comunità fatta di tradizioni, evidenti diffidenze e un fragile senso di incerta perfezione - la giovane Anna Lou scompare all'improvviso, senza lasciare traccia di sé ed immergendo quella piccola realtà di montagna in un chiaro senso di impotenza e di reciproca colpevolezza.

« La ragazzina invisibile, quella che puoi osservare a distanza senza destare sospetti. Quella che puoi portare via in una sera d'inverno, a pochi passi da casa sua, senza che nessuno si accorga di nulla... »

Ed è qui che entra in gioco la vera natura dell'agente speciale che si palesa immediatamente come un personaggio tutt'altro che facile da digerire. Vogel è un uomo fin troppo sicuro di sé, espressione di tracotante supponenza che viene messa in risalto da un ego decisamente sproporzionato. Vogel non è un uomo della giustizia, non dà affatto peso alle prove evidenti che porterebbero alla soluzione di un caso già di per sè controverso e quantomai delicato; Vogel non cerca la verità, non pone l'accento sulla vittima. Vogel è alla disperata ricerca del mostro. Qualunque ne sia il prezzo. Chiunque esso sia! 
E l'unico modo per farlo è creare attorno a sè quel circo mediatico che desta morbosa curiosità nell'attento spettatore, seguita inevitabilmente da richieste pressanti di risposte e forzate verità, anche andando ben oltre il lecito..
Indubitabilmente La Ragazza Nella Nebbia presenta tutti i punti di forza necessari per suscitare nel suo lettore un vortice di emozioni contrastanti che vengono toccati e percossi durante tutta la narrazione; ma questo romanzo - grazie allo stile linguistico diretto, crudo e lineare di Carrisi - va ben oltre il suo genere. Attraverso la storia narrata ed i suoi caratteristici protagonisti che prendono progressivamente il sopravvento, viene mostrata chiaramente la corruzione e la superficialità della società contemporanea. Quella che viene raccontata da Carrisi non è altro che la cruda realtà in cui ogni giorno ci affacciamo da curiosi spettatori, senza realmente comprendere o senza voler nemmeno immaginare lo straziante dolore provato da chi vive sulla propria pelle e attraverso silenziose lacrime la perdita di una persona amata che,forse, non tornerà più!

« Sono giorni che mi torturo.. » affermò Bruno Kastner congiungendo le grosse mani e stringendole fino a far diventare bianca la pelle sulle nocche « Perchè lei? Insomma, Anna Lou non è.. bella! »

Carrisi mi ha conquistata! Partendo da un'avvolgente ed iniziale curiosità mi sono lasciata sopraffare dalle vicende e dalla vivida realtà scaturita attraverso parole semplici ed essenziali, capaci di attirare il lettore al centro di un tornado di emozioni fatto di dubbi, di incomprensioni, di teorie e di immediate smentite.
Mi sono sentita al centro dell'azione. Costantemente sul pezzo, certa di riuscire quasi a superare in astuzia il nostro atipico protagonista; per poi essere improvvisamente catapultata in una realtà sostanzialmente incomprensibile che si è dissolta lentamente di fronte ai miei increduli occhi, proprio come una pesante coltre di nebbia in attesa che il sole prenda giustamente il posto che merita!
Le ultime cento pagine sono state divorate spinta da una frenetica ed incessante curiosità, seguita da un'irrefrenabile bramosia di sapere, conoscere ed infine comprendere quello che fino ad allora mi era inconsapevolmente sfuggito. Mi sono trovata letteralmente col fiato sospeso! Colpita in pieno petto da quel vivido stupore che mi ha lasciata essenzialmente senza parole.
Leggere La Ragazza Nella Nebbia significa affrontare un ritmo narrativo crescente e - proprio nel suo epilogo - progressivamente intenso che non può lasciare via di scampo. 

Quella che era partita come un'istintiva scommessa si è rivelata una delle più belle ed inaspettate sorprese letterarie di questo anno. Carrisi è riuscito a sorprendermi, regalandomi sia momenti di autentica incertezza che mi portavano inesorabilmente a rimettere tutto in gioco sia a domandarmi quanto di crudele ci sia in quel pressante showbiz che vive e guadagna sul dolore di sconosciuti; sconosciuti che potrebbero essere anche molto più vicini di quanto potremmo mai immaginare. 

Perchè vi consiglio La Ragazza Nella Nebbia.
Perchè è quel genere di romanzo che sa perfettamente quali corde sfiorare per tenere in lettore in quella impercettibile, ma costante tensione capace di esplodere esattamente al momento opportuno.
Grazie alla bravura di Carrisi si assiste ad un susseguirsi di colpi di scena che riescono a catturare l'attenzione del lettore - senza appesantire affatto la lineare narrazione - che, proprio nella sua massima esplosione, lasciano un senso di completezza ed appagata soddisfazione.

Il mio punto di vista è stato espresso; ora la parola passa a voi, Lettori...
Cosa ne pensate di La Ragazza Nella Nebbia? 
Lo avete già letto o è ancora lì che attende paziente nella vostra wishlist? 
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti!
Cristina
6

IN MY MAILBOX #6

Buongiorno Lettori!
Vi scrivo direttamente dall'aula 6 della Facoltà di Giurisprudenza in attesa di conferire con il professore per la discussione della prima parte di tesi – sembro quasi professionale, non è vero? – per condividere con voi i miei ultimi arrivi cartacei in una libreria che sostituita da numerose letture digitali inviatemi dai miei prolifici scrittori emergenti è stata ingiustamente trascurata fin per troppo tempo! Nella mia incurabile voglia di andare controcorrente, ho deciso di dedicarmi ad acquisti pazzi pre-natalizi che – sostenuti anche da provvidenti sconti che non potevano essere disattesi! – hanno condotto tra le mie mani titoli e generi molto diversi tra loro, qualche nuova sfida ed una bellissima ed inattesa sorpresa che mi ha riempito il cuore di gioia.
Siete pronti, Lettori, ad entrare nella mia libreria direttamente dalla porta principale?

IN LETTURA.
La notte in cui tutto cambia per sempre è una notte di ghiaccio e nebbia ad Avechot, un paese rintanato in una valle profonda fra le ombre delle Alpi. Forse è stata proprio colpa della nebbia se l'auto dell'agente speciale Vogel è finita in un fosso. Vogel è illeso, ma sotto shock. Non ricorda perché è lì e come ci è arrivato. Eppure una cosa è certa: l'agente speciale Vogel dovrebbe trovarsi da tutt'altra parte, lontano da Avechot. Infatti, sono ormai passati due mesi da quando una ragazzina del paese è scomparsa nella nebbia. Due mesi da quando Vogel si è occupato di quello che, da semplice caso di allontanamento volontario, si è trasformato prima in un caso di rapimento e, da lì, in un colossale caso mediatico. Perché è questa la specialità di Vogel. Attirare le telecamere, conquistare le prime pagine. Ottenere sempre più fondi per l'indagine grazie all'attenzione e alle pressioni del pubblico a casa. Santificare la vittima e, alla fine, scovare il mostro e sbatterlo in galera. Questo è il suo gioco, e questa è la sua firma. Sono passati due mesi da tutto questo e l'agente speciale Vogel dovrebbe essere lontano, ormai, da quelle montagne inospitali. Ma allora, cosa ci fa ancora lì?

Proprio come accade all'irriverente protagonista di La Ragazza nella Nebbia e spinta da un'irrefrenabile curiosità e da un sopito istinto che per molto tempo avevo messo da parte, mi sono decisa ad acquistare questo romanzo dopo aver ascoltato l'intervista di Donato Carrisi a RadioDeejay. Un nome che avevo incrociato più volte, ma che non avevo mai avuto il piacere di incontrare nella mie scelte letterarie e - notando il mio appetito durante i nostri incontri notturni - devo ammettere che non ne sono affatto delusa! 

A soli 9 mesi, Erika Matko viene sottratta alla sua famiglia in Jugoslavia e trasferita in Germania per essere inserita all’interno di uno degli esperimenti più agghiaccianti condotti dal nazismo: il Lebensborn, un programma che prevedeva la creazione di una nuova razza ariana. La piccola Erika era stata selezionata perché, contrariamente ai suoi fratelli, aveva occhi azzurri e capelli biondi, ed era quindi considerata ariana. La bambina viene affidata a dei genitori adottivi, che la ribattezzano Ingrid von Oelhafen, nascondendole la sua origine. 
Solo molti anni dopo Erika/Ingrid viene gradualmente a conoscenza della verità. Da quel momento, comincia il calvario per cercare la sua vera famiglia, un doloroso viaggio che passerà attraverso la scoperta delle atrocità commesse dai nazisti in nome del Lebensborn: il rapimento di decine e decine di migliaia di bambini destinati al programma e l’uccisione di molti altri che non rientravano negli standard previsti. Erika non troverà ancora pace: verrà a sapere che un’altra donna ha utilizzato il suo nome e ha vissuto la sua vita..

Acquisto obbligato! 
Non posso che ringraziare la Newton Compton Editori per mettere a nostra disposizioni romanzi e storie vere che permettono a noi lettori di entrare, conoscere ed indagare sulla pagina più buia della nostra storia contemporanea..

Maycomb, Alabama. La ventiseienne Jean Louise Finch torna a casa da New York per visitare l’anziano padre, Atticus. Ambientato sullo sfondo delle tensioni per i diritti civili e il trambusto politico che negli anni cinquanta stanno trasformando il Sud degli Stati Uniti, il ritorno di Jean Louise prende un sapore agrodolce quando viene a sapere verità inquietanti sulla sua famiglia, sulla cittadina e sulle persone che le sono più care. Tornano a galla ricordi dell’infanzia, e i suoi valori e convincimenti sono messi seriamente in discussione. Con il ritorno di molti personaggi emblematici de Il buio oltre la siepeVa’, metti una sentinella cattura perfettamente le sofferenze di una giovane donna e di un mondo costretti ad abbandonare le illusioni del passato, una transizione che può solo essere guidata dalla coscienza di ciascuno. È un romanzo d’indimenticabile saggezza, umanità, passione e umorismo, che mette in luce tutto il talento dell’autrice. Un’opera d’arte profondamente toccante che evoca in maniera splendida un’altra era e, al tempo stesso, mostra tutta la sua rilevanza per i nostri giorni. 

Avendo amato Il Buio Oltre La Siepe la scelta di acquistare questo romanzo è stata istintiva ed immediata. Pur avendo letto alcune recensioni negative - per non dire distruttive - di questo atteso sequel, ho deciso di saltarle di netto, senza remore, seguendo quel mio indiscutibile sesto senso.. ancora una volta! 

Nel 1871 a New York le grandi Avenue sono piene di immagini di benessere, luminose e sgargianti: case che brillano con la loro illuminazione a gas; uomini d'affari che camminano a passo svelto nei loro bei completi di ottimo taglio. A Chrystie Street, ad esempio, vivere comporta anche avere eccellenti probabilità di morire, uccisi dalle malattie o dalla fame, dalla rabbia di un vicino, o di propria mano. Moth è nata nella zona più povera di Chrystie Street, da una chiromante dei bassifondi e da un uomo scappato di casa quando lei aveva tre anni. Il destino di Moth è alla Bowery, la zona della città piena di case vistose e chiassose, sale da ballo, alberghi di terza categoria, teatri di varietà. Lì Moth incontra Miss Everett, una bruna raffinata e affascinante, che al 73 della East Houston Street gestisce una pensione speciale che ospita cinque giovani signorine il cui allegro temperamento tende a scacciare la malinconia. Nella casa Moth fa, tuttavia, anche la conoscenza della dottoressa Sadie, una donna raffinata e colta, che le insegna, invece, ad avere rispetto e cura di sé e a cercare di sottrarre il proprio corpo e la propria anima a un destino forse ineluttabile.

Una scrittrice ed un titolo che non conoscevo. Una storia forte e non facile da digerire. Devo ringraziare l'accurata ed intrigante recensione di Dragonfly Literary Blog che mi ha convinto ad acquistare questo romanzo..

Mickey Haller è un uomo complicato, con una vita complicata. Deve fare i conti con un passato di eccessi, con una figlia che non vuole più saperne di lui e, più prosaicamente, con le necessità quotidiane, tra cui quella di guadagnare quel tanto che basta a mandare avanti il suo studio. È per questo che, quando riceve un messaggio sul cellulare mentre è in un'aula di tribunale, impegnato a difendere il suo cliente dall'accusa di aggressione, la sua attenzione viene immediatamente catturata. A mandarglielo è Lorna, la sua segretaria, e il testo è questo: Chiamami subito. Si tratta di un 187. Il numero, che in California corrisponde al codice dell'omicidio, cattura immediatamente la sua attenzione. 
Occuparsi della difesa in un caso di omicidio significa guadagnare un bel mucchio di soldi e l'eventualità non lo lascia certo indifferente. Quando poi scopre che la vittima, una prostituta che pensava di aver rimesso sulla retta via, era già stata sua cliente, non ha più dubbi sull'opportunità di accettare l'incarico. 
A muoverlo però non è solo il bisogno di guadagnare, ma i fantasmi di un passato che gli si rivela diverso da come l'aveva vissuto e una sete di giustizia che nasconde un forte desiderio di redenzione personale.

Questa è la sorpresa che mi ha riempito il cuore di gioia: la copia autografata di Il Dio Della Colpa, inviatemi dalla Piemme Edizioni come inaspettato ed inatteso, quanto meraviglioso regalo di Natale. Un ringraziamento per l'anno di collaborazione trascorso attraverso un reciproco rapporto fatto di lavoro, pazienza, curiosità, passione e disponibilità che, ancora una volta, torno a leggere con autentica gioia ed un leggero sorriso sulle labbra nella lettera nascosta tra le pagine di questo libro. Parole che mi ha scaldato il cuore, facendomi capire di essere sulla strada giusta e di amare ancora più di prima questo nuovo percorso intrapreso con piccole aspettative e tantissime incertezze poco più di un anno fa.. 

E voi, Lettori, vi siete già dati alle spese pazze, regalandovi qualche nuova adozioni o aspettate diligenti l'arrivo di Babbo NataleCosa ne pensate delle mie new entries? Qualche vi incuriosisce di più? Di quale siete curiosi di conoscerne l'opinione?
Lasciatemi le vostre considerazioni nei commenti.. 
Cristina
2

[ SEGNALAZIONE ] : Niente Di Ufficiale di Katia Anelli

Prezzo: 1.59€
Pagine: 270
Buongiorno Lettori! 
Prima di correre a prendere il treno che mi porterà - ancora una volta - in quel di Perugia per un'altra lunga giornata universitaria, anche oggi voglio condividere con voi un'altra segnalazione emergente di un'autrice che ho già avuto il piacere di ospitare in queste pagine.
Niente di Ufficiale di Katia Anelli è un romanzo che parla di scelta ed opportunità da assaporare con un deciso pizzico di romance e piccante passione e condito da un accennato mistero che potrete scoprire solo scorrendo le sue pagine..

Sara è una giornalista freelance che per mantenersi lavora come impiegata in una concessionaria, ma finalmente ha l'occasione di fare carriera. Due uomini sulla sua strada. 
Andrea sexy, travolgente ed impenetrabile. 
Tommaso attraente, ammiccante e disponibile.
Un terribile naufragio. 
Un processo. 
Un reportage da realizzare.
Tutti quanti vogliono conoscere la verità... ma Sara saprà reggerla?


Katia Anelli si è diplomata al Liceo Classico ad indirizzo linguistico, vive nella provincia di Cremona ed è una divoratrice di romanzi, di ogni genere, anche se predilige quelli d'amore!
Niente di Ufficiale è il suo quinto romanzo dopo Ho Scelto Te - Il Mio Futuro e la Trilogia dell'AmoreL'amore è un'altra cosa, L'altra faccia dell'amore L'espressione dell'amore.
Cristina
0

[ SEGNALAZIONE ] : Un Altro Domani di Giada Bafanelli

Buongiorno Lettori! 
Durante la settimana di pausa dalla blogosfera, le vostre richieste di segnalazione hanno quotidianamente fatto breccia nella mia casella di posta con la solita frequenza che - con mia grande gioia ed immutata sorpresa! - oramai contraddistingue il rapporto che si è andato consolidando tra il Blog e voi scrittori emergenti. Proprio per questo motivo ed in via del tutto eccezionale, sono felice di ospitare la scrittrice Giada Bafanelli ed il suo Un altro domani che rappresenta la sua prima vera incursione nella narrativa rosa.
Scopriamolo insieme..

Il sogno di Liv è sempre stato quello di diventare una cantante professionista. 
Eppure, nonostante gli anni spesi a studiare al conservatorio, sembra che la sfortuna la perseguiti: ha solo tre allieve, sua madre la disprezza e il famoso mezzosoprano Elizabeth Night non sembra affatto colpito dalla sua voce. 
Dopo che anche il fidanzato la lascia, il piccolo porto sicuro che Liv si era creata sembra andare in pezzi.
Soltanto Ethan, un ragazzo conosciuto per pura coincidenza, sembra capirla fino in fondo. 
Tra litigi, parole non dette e incomprensioni, saranno le note di una canzone a decidere il destino di Liv e Ethan...

Prezzo: 0.99€
Pagine: 153
Editore: Autopubblicato
Data di Pubblicazione: 9 Dicembre 2015
Link di Acquisto: Amazon


Giada Bafanelli ha ventisette anni e le sue più grandi passioni sono sempre state la musica e la narrativa, specialmente di genere fantasy. Oltre al racconto urban fantasy Alone. Il solitario, ha pubblicato il romanzo fantasy ispirato alla mitologia norrena La figlia della vendetta e il prequel I giardini di AsgardUn altro domani è la sua prima incursione nella narrativa rosa.

Potete contattare l'autrice tramite i suoi profili social [ Facebook | Twitter ] oppure visitando il suo Blog Letterario Pagine Magiche.
Cristina
1
Powered by Blogger.
Back to Top