Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

RECENSIONE : La Ragazza Del Treno di Paula Hawkins

Pendolari alla Lettura, a me gli occhi! 
Ebbene sì, in questa ultima domenica di Luglio, voglio condividere con voi - e non solo con voi, spero! - la mia ultima recensione scaturita da qualche giorno di riflessione, dopo aver voltato l'ultima pagina di questo romanzo acclamato praticamente in ogni angolo del globo e della blogosfera - con le sue dovute, quanto inevitabili eccezioni!
Solitamente preferisco scrivere le prime righe della recensione praticamente di getto, nel momento stesso in cui scendo da quel treno, oramai al capolinea, ma in questo caso, ho voluto prendere le redini della situazioni, lasciare da parte la mia consueta istintività e concentrarmi su ogni singolo aspetto legato alla lettura di questo romanzo; aspetti che troverete proseguendo oltre queste mie prime, vaneggianti parole. Lasciatemi la vostra idea in merito, come sempre, nei commenti. CI CONTO!

La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare.
Vive sola, non ha amici e ogni mattina prende lo stesso treno che la porta alla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città.
Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata.
Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione nella veranda.
Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata.
Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua.
Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto.
La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia.
Ma cosa ha visto davvero Rachel?
Storia: 4 | Personaggi: 3 | Stile: 3 | Copertina: 3

Cosa mi ha attirato verso questa lettura? Indubbiamente il titolo.
Vivo da pendolare da non so più quanti anni oramai e perdere il conto mi fa pensare a quanto il tempo passi velocemente. Quindi, mi sono sentita automaticamente presa in causa, ma ve lo posso qui giurare, casomai il fato ci mettesse sullo stesso treno, non bevo come una spugna e soprattutto non vedo nulla oltre qualche centimetro dal mio naso. Non guardo mai fuori dal finestrino, anzi stare da quella parte mi ha sempre messo una certa ansia e, soprattutto, mi isolo al punto tale che nulla potrebbe mai attirare la mia attenzione fuori dalle parole del libro che abitualmente mi accompagna!
Lo stesso non si può dire di Rachel: alcolizzata con evidenti problemi di socializzazione e naturalmente attratta da quello che accade oltre quel vetro, quasi fosse una via d'uscita. In ogni viaggio quotidiano verso Londra, la sua attenzione viene catturata da una particolare casa ( praticamente attigua a quella che, una volta, rappresentava tutta la sua vita! ) e da una particolare coppia che per lei, in un suo personale gioco di pericolosa quanto preoccupante fantasia, rappresentano indubbiamente l'emblema della coppia perfetta.
Insomma, tutto quello che a lei è mancato! 
La sua vita verrà travolta di lì a poco quando, testimone invisibile, sarà spettatrice incosciente di qualcosa che non avrebbe mai dovuto vedere e da quel momento quella che fino ad allora non era altro che un quotidiano gioco di fantasia si trasformerà nella peggiore e straziante realtà.
Il romanzo si sviluppa attorno a tre diverse figure femminili che, almeno all'apparenza, non sembrano proprio avere nulla in comune. Eppure tutta la narrazione ruoterà attorno al loro legame fatto di segreti e bugie, tradimenti e rivendicazioni, paure e timori.
Rachel viene presentata come una donna sostanzialmente debole e fragile sotto ogni punto di vista; incapace di andare avanti con la propria vita e schiava di una relazione che solo lei crede ancora di poter salvare. Anna potrei descriverla come l' alter-ego di Rachel; colei che è stata causa e rovina del suo matrimonio. Una donna fragile, ma vendicativa. Possessiva con ciò che le appartiene. Avida e superficiale. E Megan, la donna spiata da Rachel, apparentemente appagata da un matrimonio perfetto con l'uomo perfetto, ma che nasconde, dentro di sè, un forte malessere fatto di segreti taciuti e ferite mai rimarginate.
Senza addentrarmi ulteriormente nella trama di La Ragazza Del Treno ( il rischio di avvicinarmi pericolosamente al limite spoiler è veramente alto in questo caso! ), vorrei soffermarmi maggiormente su quello che mi ha piacevolmente colpito e, soprattutto, su quello che, a parer mio, non ha colto nel segno!
La narrazione scorre con una buona dose di crescente tensione, legata a doppio filo con l'onnipresente e disturbata ossessione che abbraccia, in modo quasi totale, il personaggio di Rachel in una vera e propria costante. Indubbiamente è un romanzo che induce il lettore a proseguire nella lettura, soprattutto nella sua seconda metà, ma che, allo stesso tempo, è stata confezionata in una misura troppo repentina e veloce tale da togliere quel gusto del mistero e dell'irrisolto che distingue i grandi thriller dai romanzi da compagnia. 
Quello che maggiormente mi ha fatto storcere il naso, in realtà, è stata la mancanza di particolari e di piccole, ma significanti sfaccettature che alimentassero e, conseguentemente, differenziassero le tre figure femminili che, indubbiamente, rappresentano il centro focale del romanzo. 
Certamente si tratta di personaggi di per sè simili sotto vari punti di vista: l'oscuro passato ed i segreti mai svelati, l'ossessione per il controllo e la possessività che viene irrimediabilmente dimostrata e palesata in diverse occasioni; ma, proprio per questo motivo di base, era se non necessario, perlomeno essenziale colorare i singoli caratteri con sfumature diverse e percettibili a chi si trova dall'altra parte della pagina. E proprio a testimoniare questa fondamentale mancanza, ammetto che, per un discreto numero di pagine, ero fermamente convinta che Megan e Rachel fossero la stessa persona; il che è naturalmente controproducente e fuorviante per qualsiasi lettore! 

Tirando le somme, durante la lettura di La Ragazza Del Treno ho riscontrato aspetti indubbiamente positivi, ma, al contempo, accompagnati da altri notevolmente negativi che un romanzo, così ampiamente pubblicizzato ed acclamato dal mondo intero!, non può permettersi di presentare. 
Se siete alla ricerca di un romanzo accattivante e con un pizzico di mistero, un romanzo che sappia tenervi relativamente con il fiato sospeso e che sappia condurvi per mano verso l'epilogo finale ( in buona parte, mi duole dirlo, abbastanza scontato! ), questo libro saprà certamente farvi compagnia!
Ma se siete alla ricerca del thriller con la T maiuscola, di un romanzo che sappia lasciarvi con la bocca aperta ed il fiato corto, che sappia dire, ma, allo stesso modo, celare gran parte del mistero che, come da tradizione, deve essere sagacemente rivelato solo all'ultima pagina, no, cari miei Lettori, passate oltre! 

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate?
Siete rimasti affascinati dalla Ragazza del Treno o vi aspettavate qualcosa di diverso?
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti..

Cristina

8 commenti

  1. Mmm sto leggendo un sacco di recensioni a 3 stelline XD mi sa che devo abbassare le aspettative perché da un romanzo così acclamato mi aspettavo il meglio del meglio!

    RispondiElimina
  2. Da pendolare questa storia mi ispira davvero tanto, sto temporeggiando perché è così pubblicizzato che ho paura di cadere in qualche flop. Non sono un'amante del thriller troppo macabro, mi piace anche il giallo/thriller più soft.. Quindi ho ancora speranza :)

    RispondiElimina
  3. Pendolare? Eccomi! Forse è questa la ragione principale per la quale vorrei leggere questo libro. Ho letto recensioni più o meno come la tua, ma ad ogni modo continua ad ispirarmi, probabilmente perché ho iniziato a leggere thriller solo di recente!

    RispondiElimina
  4. si legge, ma non è il thriller dell'anno. Mai creare aspettative stellare, è un grande errore u.u

    RispondiElimina
  5. @dreamingfantasy avendo preso qualche fregatura letteraria in passato, ci sono partita molto cauta! Oramai ho capito che io e i fenomeni eclatanti non abbiamo lo stesso metro di giudizio ;)
    @alepedace diciamo che come thriller soft questa rientra nella categoria ;)
    @giusyp noi due ci capiamo! Da pendolare, come ho scritto, mi sono sentita presa in causa.. ma poi ho realizzato che io e Rachel siamo due esponenti della medesima categoria praticamente agli antipodi xD
    @silvialeggiamo esattamente! E' un libro piacevole, una lettura scorrevole, ma nulla di più. Almeno per me ;)

    RispondiElimina
  6. Lo sto leggendo in questo momento! Ti farò sapere la mia una volta terminato :)

    RispondiElimina
  7. Sinceramente mi aspettavo una trama più complessa, più personaggi e più misteri, l'ho trovata una lettura un po' banale, lontana dal mio concetto di "thriller dell'anno". Nonostante questo è un romanzo che avvinghia il lettore e la storia scorre veloce...

    RispondiElimina
  8. Ancora non ho letto questo libro, ma il titolo mi ha sempre attirata tantissimo. Dopo aver letto questa recensione credo che non potrò fare altro che comprarlo!

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top