Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

RECENSIONE : Stoner di John Williams

Prezzo : 17.50€  | Pagine : 332
Buongiorno Lettori.
Iniziamo questa nuova e prima settimana di Marzo con la recensione di un libro che mi è stato indirettamente consigliato da più parti; con una copertina che nella sua semplicità mi ha attirata a sè e che quella stessa semplicità risuona viva nel contenuto di un romanzo capace di emozionarti, scuoterti e di entrare dentro di te, dritto al cuore, in punta di piedi.

                              ────────────────

Stoner è il racconto della vita di un uomo tra gli anni Dieci e Cinquanta del Novecento: William Stoner, figlio di contadini, che si affranca quasi suo malgrado dal destino di massacrante lavoro nei campi che lo attende, coltiva la passione per gli studi letterari e diventa docente universitario.
Si sposa, ha una figlia, affronta vicissitudini professionali e sentimentali, si ammala, muore.
E' un eroe della normalità che negli ingranaggi di una vita minima riesce ad attingere il senso del lavoro, dell'amore, della passione che da' forma alla sua esistenza.

« Deve ricordare chi è e chi ha scelto di essere e il significato di quello che sta facendo. 
Ci sono guerre, sconfitte e vittorie della razza umana che non sono di natura militare  e non vengono registrate negli annali della storia. Se ne ricordi al momento di fare la sua scelta. »


Storia: 5 | Personaggi: 5 | Stile: 5 | Copertina: 3

Stoner è quel genere di romanzo che lascia meravigliati e pieni di stupore per la sua essenziale semplicità; quell'ordinaria normalità che è in grado di avvolgere il lettore durante l'evolversi della vita di un uomo che con i suoi errori, con le sue passioni, con le sue sofferenze e con i suoi piccoli fantasmi entra in punta di piedi, con pazienza e circospezione, arrivando fino all'epilogo dritto fino al cuore!
Stoner testimonia come la vita non debba essere necessariamente condotta in prima linea; come il successo non delinei l'identità di un uomo, ma che dietro ad un difficile e sudato anonimato possa bensì celarsi una grande forza, un proverbiale coraggio ed un immensa storia che vale la pena di essere letta.
Come riportato da Tom Hanks in una recente intervista :

« Stoner è semplicemente un romanzo che parla di un ragazzo che va' all'università e diventa professore! Eppure è una delle cose più affascinanti che vi capiterà di leggere.. » 

Ed è proprio dentro le mura dell' Ateneo che Stoner vive la sua vita, quella vera: quella fatta di passioni e di successi, di cadute e di scontri, mentre fuori la vita del mondo continua ad evolversi tra le due guerre mondiali, la crisi del '29, la grande depressione e la rinascita finale; tutte tappe che il nostro protagonista sembra percepire come dietro ad una vecchia lente focale sbiadita. Quella che ci viene raccontata da Williams è il concatenarsi di eventi di un ragazzo racchiuso tra certezze familiari e nuove scoperte, amori fulminei ed imminenti delusioni, passioni profonde e sacrifici dolorosi. Tutto questo viene presentato con una delicatezza umana che rimane chiaro ed impressa nella mente di chi legge; ed è proprio quel contenuto così normale e incredibilmente semplice che rende questo romanzo assolutamente imperdibile.
Stoner non è affatto un romanzo monocorde, ma presenta un susseguirsi di personaggi ben delineati e
caratterizzati nella loro ordinaria complessità che rimarranno inevitabilmente impressi al termine della lettura.

Archer Sloane, professore universitario accattivante e formalmente severo che sarà per Stoner fonte e ragione di quella passione per la letteratura che lo accompagnerà per una vita intera;
Edith, moglie essenzialmente priva di morale e di una solida coscienza umana che si rivelerà nemico difficile da arginare e contrastare. Scelta frutto di un amore incosciente quanto repentino, capace con i suoi silenzi, le sue vendetta, le sue ritorsioni a portare Stoner fino alla quasi distruzione e alla convinzione di non essere destinato all'amore e per l'amore; del protagonista:
Grace, figlia desiderata ed amata, unico raggio di sole in una vita familiare fatta di ombre ed oscurità. Figlia che, incapace di proteggerla come avrebbe dovuto, sarà inevitabilmente condizionata da una madre esasperante e possessiva fino a condurla ad avere un figlio pur di scappare da quel vero inferno terrestre che quella casa familiare rappresentava da troppo tempo;
Katherine Driscoll, rappresenta per Stoner un imprevisto ed inaspettato soffio di vita e di amore in quella vita fin troppo inerme ed arida conosciuta fino allora. Un amore che si rivelerà fondamentale, inevitabile ed irrinunciabile. Una passione che risveglierà in Stoner la voglia di vivere, il desiderio di essere e di renderlo reale al suo fianco. Un amore che potremmo definire quasi giovanile che verrà messo alla prova e che rappresenterà, forse, il più grande sacrificio che il nostro protagonista porterà sulla spalle e dentro il suo cuore; un viso ed un nome che non lo abbandoneranno mai e che lo culleranno, sicuro, fino alla fine.

Affezionarsi a Stoner sembra automatico, quasi naturale.
Combattere per lui diventa inevitabile!
In fin dei conti, Stoner rappresenta un forte monito all'essere autentici ed originali, al non sminuirsi o trasformarsi a favore di una società che, fin troppo spesso, vorrebbe che fossimo a sua immagine e somiglianza.
Stoner lo ha capito nella sua semplicità, nella sua ordinarietà, nel suo affascinante anonimato..

« La coscienza della sua identità lo colse con una forza improvvisa e ne avvertì la potenza. 
Era se stesso e sapeva cosa era stato..  »

Cosa ne pensate di questo romanzo?
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti.
Cristina

4 commenti

  1. Devo leggerlo al più presto!!! *-*

    RispondiElimina
  2. Io, come Pila, non vedo l'ora di leggerlo :)

    RispondiElimina
  3. Aggiunto nella mia wishlist infinita!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Io e Stoner invece non siamo entrati affatto in sintonia: il romanzo mi ha delusa e anche un po' annoiata e l'immobilità del personaggio mi ha irritato spesso e volentieri.. Però la tua recensione e il tuo punto di vista mi sono piaciuti molto, brava!

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top