Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

GIORNATA DELLA MEMORIA : La Memoria dei Fiori di R. Lipszyc

70 anni quando i Russi abbatterono i cancelli di Auschwitz liberando il campo di prigionia.
70 anni quando l'orrore più oscuro della storia umana moderna venne reso pubblico.
70 anni che non sono poi così lontani; con il sentore che, alla fine, nulla è poi cambiato, nulla è stato compreso e molto è stato dimenticato.
Allora era un'inutile, folle ed ipocrita ideologia di razza, portata avanti da un uomo solo che è riuscito con la potenza della sua voce, delle sue assurde convinzioni e del terrore a ridurre un continente intero in ginocchio, depredato di ogni coscienza morale ed umana; ora lo è la religione. Pretesto che viene ad essere addotto non come mezzo di unione, ma come giustificazione all'odio e alla morte.
Nulla è cambiato! Perchè se da un lato, è vero, dovremmo ricordare ogni singolo giorno, questa giornata serve anche a risvegliare le coscienze assopite delle nuove generazioni che non hanno conosciuto e che, allo stesso modo, non si prendono più la responsabilità di trovare una ragione al passato per non peccare in futuro! Allora, è stato anche il silenzio di chi sapeva a permettere la morte di oltre 6 milioni di ebrei e di centinaia di migliaia tra comunisti, omosessuali, rom, handicappati e nemici del regime nazista.
Il silenzio è codardia. La parola, come la lettura, come la voce, il ricordo e le memorie rappresentano una potente arma di massa : La Conoscenza.

Anche oggi pomeriggio, come ogni anno, rispettando una mia personale tradizione iniziata oramai da tempo, mi sono recata nella mia libreria di fiducia, sfidando freddo ed influenza, per acquistare un romanzo che avesse come oggetto narrante proprio la Shoah e l'orrore nazista.
Girando tra gli scaffali, vari titoli hanno attirato la mia attenzione : alcuni li avevo già letti ed amati, altri non mi convincevano appieno nella loro presentazione, mentre altri ancora li ho percepiti come eccessivamente costruiti e romanzati.
Poi, senza nemmeno volerlo, lo sguardo si è posato su una copertina ben conosciuta : vi ricordate?
Vi avevo presentato questo romanzo proprio qualche giorno fa, edito Garzanti, qui nel blog e, come scrissi nel post, il titolo e quella rosa rossa in copertina, in netto contrasto con lo sfondo quasi glaciale, mi hanno letteralmente conquistata.
Ed eccomi qui, come potete vedere dalla foto, a stringere questa mia nuova piccola, e possiamo dire quasi preannunciata, adozione.


Lasciate nei commenti i vostri pensieri e riflessioni su questa importante giornata insieme ai libri che vi hanno colpito ed avete apprezzato in questi anni.
Non è solo la giornata della memoria per la Shoah, almeno per quanto mi riguarda, ma un modo giusto e doveroso di ricordare ogni genocidio, ogni libertà presa dall'essere umano di condannare altri pari all' umiliazione, al dolore fisico e psicologico fino alla morte in nome di una profonda ignoranza che, purtroppo, si è ripetuta nei secoli.
La storia non ci deve spaventare.
La storia deve insegnare.
« Le guerre negano la memoria dissuadendoci dall’ indagare sulle loro radici, finché non si è spenta la voce di chi può raccontarle. Allora ritornano, con un altro nome e un altro volto, a distruggere quel poco che avevano risparmiato. »

3 commenti

  1. Ciao Cristina
    ho appena pubblicato le icone sociali che mi avevi richiesto, le trovi qui.
    Spero ti piacciano.
    Per qualsiasi modifica sono a tua disposizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, davvero. Sono perfette. Già inserite :)

      Elimina
    2. Ci stanno benissimo ^_^
      Se ti servono altre icone o altri widget personalizzati... sai dove trovarmi!

      Elimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top